Roberto Fico oggi alle 17 riceve l’incarico da Mattarella

Game over. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha convocato per le 17 di oggi, al Palazzo del Quirinale, il Presidente della Camera, Roberto Fico. La Sala Stampa aprirà alle ore 15.30. Lo rende noto un comunicato del Quirinale. È prevedibile che il capo dello Stato conferisca al grillino un mandato esplorativo per sondare un accordo M5S-Pd.

Nel frattempo Matteo Salvini chiede ancora tempo al Colle. “Auguriamo buon lavoro al presidente Mattarella che ovviamente farà le sue scelte. Sottovoce ci tengo che gli arrivi da Trieste questa indicazione: a) facciamo veloce; b) noi le idee ce le abbiamo chiare e il programma è pronto; c) se ciascuno scende dal piedistallo e ci mettiamo da domattina alla scrivania a lavorare, diamo, tempo una settimana, un governo agli italiani che risponde al voto degli italiani e cominciamo a smontare pezzo per pezzo le schifezze del Partito democratico”.

Il leader della Lega si trova a Trieste per sostenere il candidato Governatore Massimiliano Fedriga alle regionali in Friuli Venezia Giulia. Salvini spera ancora nella possibilità di un governo tra centrodestra e M5s. “Sarei onorato di essere premier  ma se non sono io son contento lo stesso. Bene anche un nome terzo quarto quinto, basta che rappresenti il voto degli italiani e sia indicato dai partiti che hanno vinto e non da quelli che hanno perso”. “Lo dico a Di Maio, lo dico da leader del centrodestra, mettiamoci al tavolo. Riforma delle pensioni, riforma del lavoro, riduzione delle tasse, blocco degli aumenti dell’Iva e delle accise, blocco e controllo dei confini e in qualche giorno si dà un governo che dura cinque anni a questo Paese”.

Anche per Giovanni Toti, presidente della Liguria, un governo fra cinquestelle e la coalizione guidata da Matteo Salvini è un’ipotesi ancora percorribile. “Spero che siano ancora aperte tutte le vie da percorrere – afferma a Circo Massimo su Radio Capital – ma il tempo stringe. Auspicherei che i partiti si confrontassero sui programmi perché finora hanno giocato alle figurine e ai veti, una cosa insopportabile in democrazia. Vorrei non escludere la strada di un’intesa fra centrodestra e M5s, perché riflette il voto degli italiani alle urne”.

Lascia un commento