Ghilarza. Gianni Manca disperso nel rio Zairi a Gonnosfanadiga

Si teme il peggio per Gianni Manca, disperso nel rio Zairi a Gonnosfanadiga nel tratto che attraversa il parco comunale di Perd’e Pibera. Il disperso è un appassionato di canyoning. Manca era uscito insieme a tre amici. Si sarebbe trovato in difficoltà perché il rio si è ingrandito improvvisamente per la pioggia. In tre sono riusciti a mettersi in salvo. Il quarto risulta disperso.

Il giovane di Ghilarza – è disperso nel Medio Campidano. Stavano facendo torrentismo nel fiume attrezzati con delle corde, quando un’onda d’acqua li ha travolti. Del giovane di Ghilarza si sono subito perse le tracce. Sono arrivati i volontari del Soccorso alpino, i sommozzatori dei vigili del fuoco e i carabinieri della compagnia di Villacidro e della stazione di Gonnosfanadiga.

Gianni Manca stava attraversando il torrente insieme ad altri amici, quando la corda che li teneva legati avrebbe ceduto, facendolo cadere in un punto con acque particolarmente agitate, rese più pericolose dall’ingrossamento del rio dovuto alla pioggia.

Sul posto operano 20 tecnici. Insieme a loro anche i sommozzatori dei vigili del fuoco, insieme ai carabinieri della compagnia di Villacidro e ai barracelli. I soccorritori hanno tratto in salvo due ragazze che componevano il gruppo di torrentisti. Sarebbero in buone condizioni, anche se molto scosse da quanto accaduto. La zona è difficile da raggiungere e senza segnale telefonico. AGGIORNAMENTO. Le ricerche sono terminate con il ritrovamento del corpo. Leggi qui : Ghilarza in lutto. Trovato morto Gianni Manca.

Lascia un commento