Taranto. Caporal maggiore del Reggimento Bersaglieri di Cosenza si uccide a Roma

Drammatico suicidio nella stazione metro Barberini in pieno centro a Roma. Un militare dell’Esercito, in servizio di controllo in stazione nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”, si è suicidato con un colpo di pistola nel bagno.

Il caporal maggiore del Reggimento Bersaglieri di Cosenza aveva ancora la pistola in mano quando è stato soccorso. Il militare di 29 anni di Taranto, si è suicidato con un colpo di pistola alla testa. I rilievi di legge sono stati eseguiti dai Carabinieri del nucleo investigativo e della compagnia Centro. Il militare aveva preso servizio in stazione insieme a due colleghi.

Si è allontanato dicendo di andare al bagno. Gli altri due militari non avrebbero sentito il colpo, ma non vedendolo ritornare dal bagno sono andati a cercarlo. E’ stato trovato per terra con in mano la pistola dell’equipaggiamento data in dotazione per il turno di servizio. I Carabinieri hanno raccolto testimonianze e vagliato le registrazioni delle telecamere di sorveglianza. Una videocamera avrebbe inquadrato il giovane mentre entrava in quel bagno da solo. Da chiarire le motivazioni che hanno spinto il ragazzo pugliese a suicidarsi. Non è escluso che alla base del gesto ci possano essere motivi personali o familiari.

Il ventenne era sposato e padre di un bambino. Era a Roma da poche settimane per essere impiegato nell’operazione “Strade Sicure”. Era rientrato quest’estate da una missione all’estero.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin