Digitalizzazione in Italia: una sfida da vincere fra opportunità e rischi

Da una moderna tecnologia, proprio come accade con i superpoteri, deriva una grande responsabilità: in questo caso, una responsabilità che parla di investimenti nel digitale. Saper raccogliere tutte le opportunità della digitalizzazione, infatti, richiede anche la capacità di saper cogliere l’attimo, e di sapere come e dove investire le proprie risorse. Bisogna farlo, dato che per le aziende questa rappresenta l’unica via per una redditività anti-crisi, in linea con le altre imprese europee: ne va della loro salvezza, oltre che della salvezza della competitività economica italiana. D’altronde nessuno ha mai detto che la volontà di compiere un passo in avanti sia scevra da rischi e da sfide: entrambi vanno affrontati, per poter alzare la bandiera della vittoria. Ecco qual è la situazione in merito alla digitalizzazione in Italia.

 

Digitalizzazione in Italia: opportunità e rischi

 

Un’azienda che cede allo stimolo del digitale, è un’azienda che può dotarsi di tutte le armi necessarie per competere appieno nel mercato italiano e soprattutto europeo. La digitalizzazione, però, è un passo che va compiuto in modo cosciente, dunque conoscendo approfonditamente questo argomento: non a caso, aspetti quali la formazione e le capacità imprenditoriali rimangono necessari. In termini pratici, la digitalizzazione delle aziende aumenterà anche le assunzioni: soprattutto per la richiesta di personale specializzato nelle tecnologie di oggi. Quali sono i rischi, invece? Nel breve-medio periodo, il mercato delle assunzioni potrebbe contrarsi invece di espandersi: alle aziende servirà del tempo per padroneggiare il digitale e per recuperare l’investimento, cosa che porterà ad un calo delle assunzioni per bilanciamento delle mancate entrate.

 

Digitalizzazione delle imprese: pubblico e privato

 

Quanto detto finora chiarisce l’importanza di affrontare certe sfide in modo appropriato: non da soli, però, visto che sia il pubblico che il privato si stanno impegnando come supporto alle aziende italiane. Infatti compagnie come Linkem hanno pensato a delle offerte di internet per le aziende, modellate specificatamente per le loro esigenze in termini di velocità di navigazione e di convenienza economica. Naturalmente, anche il settore del pubblico sta cercando di incentivare la digitalizzazione delle imprese italiane: questo sta avvenendo tramite l’emissione di voucher indirizzati verso la copertura di alcune spese di start up. Ad esempio, questi voucher potranno essere usati per coprire i costi della dotazione software-hardware di una impresa in via di digitalizzazione. Potranno anche essere spesi per le fondamentali consulenze e per la formazione nel digital. Infine, i suddetti voucher copriranno anche la creazione di e-commerce.

 

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin