“L’Abruzzo brucia: volontari della Protezione Civile senza i soldi per la benzina”

Massimo De Maio e Cristian Perruzza, abruzzesi, di recente eletti vice presidente nazionale e consigliere nazionale di Fare Verde denunciano che: “i 50 ettari di bosco bruciati a Trasacco gridano vendetta nei confronti di Istituzioni del tutto incapaci di tutelare la Natura e il bene comune”.

 Massimo De Maio e Cristian Perruzza, abruzzesi, di recente eletti vice presidente nazionale e consigliere nazionale di Fare Verde denunciano che: “Mentre l’Abruzzo brucia – accusa De Maio – dopo lo scioglimento del Corpo Forestale dello Stato da parte del Governo nazionale, ci ritroviamo con i volontari della Protezione Civile lasciati dalla Regione Abruzzo senza neanche i soldi per la benzina”.

De Maio incalza la Regione. “Le pacche sulle spalle non bastano più. La Regione deve liquidare immediatamente i rimborsi dovuti all’associazione N.O.V.P.C. di Tagliacozzo per permetterle di continuare a svolgere il suo prezioso servizio. Lo stesso deve accadere per tutte le associazioni di Protezione Civile che si trovano nelle medesime condizioni”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin