Lamezia aeroporto. Ai domiciliari Massimo Colosimo, presidente Sacal

Bufera giudiziaria sulla società di gestione dell’aeroporto internazionale di Lamezia Terme. L’operazione Eumenidi ha consentito di avanzare  ipotesi di reato che spaziano dalla corruzione al peculato e sino al falso, passando per l’abuso d’ufficio e diverse forme di concussione.

L’inchiesta della Guardia di Finanza

Massimo ColosimoTra le persone coinvolte e raggiunte da un provvedimento cautelare ci sono anche alcuni rappresentanti di vertice delle istituzioni, degli uffici pubblici e dell’imprenditoria locale. Arrestati Massimo Colosimo, presidente della Sacal, Pierluigi Mancuso, direttore generale, ed Ester Michienzi, responsabile Ufficio legale. Per le altre persone coinvolte sono stati emessi provvedimenti restrittivi quale la sospensione dai pubblici uffici. I tre sono finiti ai domiciliari.

L’inchiesta atterrebbe la gestione complessiva della società, con particolare riferimento alle assunzioni, agli appalti ed all’uso dei fondi pubblici. Dall’inchiesta sarebbero emersi vari illeciti nella gestione della Sacal, società partecipata a capitale misto pubblico e privato.

Lascia un commento