Milano. Catturato il latitante Suvad Opera

Il bosniaco di 38 anni è stato arrestato dalla squadra mobile di BiellaSuvad Opera, 38 anni, è ritenuto l’anello mancante di una cella criminale affiliata alla ‘ndrangheta, attiva tra Biellese e Vercellese, e che si era radicata in particolare nella zona di Santhià e Cavaglià.

A novembre era sfuggito agli agenti che, nel corso dell’operazione Alto Piemonte, condotta con il coordinamento della direzione distrettuale antimafia di Torino, avevano smantellato il clan Raso-Gullace-Albanese attivo tra Cavaglià, Santhià e Cigliano.

Sul latitante era stato emesso un ordine di custodia cautelare in carcere per reati di rapina, estorsione e criminalità organizzata, oltre a un mandato di arresto europeo. Opera è ritenuto un “braccio operativo” del sodalizio criminale operante tra Biellese e Vercellese. Nei suoi confronti pendeva un ordine di custodia cautelare in carcere, poiché ritenuto responsabile a vario titolo dei delitti di rapina, estorsione e di reati in a materia di armi, tutti aggravati per essere stati commessi con le modalità mafiose ed al fine di agevolare l’attività della associazione di stampo mafioso.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin