Uil: “La quasi totalità dei commissariati romani è allo stremo per una carenza degli organici”

E’ la denuncia di Antonio Costa, segretario generale provinciale Uil Polizia. Costa riferisce il “caso emblematico” del Commissariato San Ippolito, “sotto sfratto e con un contenzioso con la proprietà che impone un rilascio immediato dell’immobile. La nuova sede, ubicata in via A. Tedeschi, sarà pronta tra 2 anni e nell’attesa la soluzione individuata sembrerebbe quella di ammassare uomini, logistica e archivio nei locali del Commissariato Porta Pia, con inimmaginabili disagi per gli operatori in divisa, ma soprattutto per i cittadini, quell’utenza già troppo esasperata a cui dovrebbe è rivolta  la cogente offerta istituzionale”.

“Al netto di una contrazione generale degli organici della Polizia di Stato, 2.227  sono stati i pensionamenti nel 2016 contro sole 1.140 assunzioni, ed è così pressoché ogni anno,  l’asfissia e la paralisi dei commissariati è dovuta anche e soprattutto ad altri fattori.

Sono anni che  in taluni commissariati la cui sorte sembra segnata dal progetto ‘taglia e accorpa’,  non viene assicurato alcun ricambio del personale che va in pensione o che viene trasferito, riducendo questi uffici ad organici talmente bassi da determinare una reale paralisi della loro attività”.

“L’esiguo numero di poliziotti trasferiti a Roma negli ultimi – denuncia ancora Costa – anni viene spesso utilizzato per potenziare uffici centrali e le divisioni della Questura  piuttosto che i commissariati che sono i principali presidi per il controllo e la presenza della polizia sul territorio. Non parliamo dei poliziotti che a Roma vengono dirottati presso ministeri e sedi istituzionali per essere impiegati in scorte e vigilanze”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Uil: “La quasi totalità dei commissariati romani è allo stremo per una carenza degli organici” Uil: “La quasi totalità dei commissariati romani è allo stremo per una carenza degli organici” ultima modifica: 2017-02-10T16:47:11+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento