“Lapo Elkann è sollevato”: cadono le accuse per il finto sequestro

Randy Zelin ha rappresentato le ragioni di Lapo Elkann convincendo il procuratore di New York che l’accaduto non presentava gli estremi per conseguenze penali. Il legale ha descritto l’imprenditore come “felice” e “sollevato”.

Rimane l’imbarazzo in casa Agnelli

Da New York arriva la buona notizia: sono cadute le accuse. Lapo Elkann non dovrà rispondere per il finto sequestro. Rimane però l’imbarazzo dei casa Agnelli per la vita sregolata di Lapo che questa volta poteva finire in carcere da 2 a 10 anni.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento