Alla rovescia. Il lungo Capodanno di Bologna

E’ il nuovo format del Capodanno di Bologna, realizzato grazie al sostegno di Ascom con Unindustria e LegaCoop e con la collaborazione di Bologna Welcome.

Oltre alla tradizionale festa in Piazza Maggiore, con il rogo del Vecchione e la musica dei Dj suonata dall’alto di Palazzo del Podestà, il programma coinvolge più luoghi in città.

La suggestione

In campo anche 2 teatri della città. L’Arena del Sole ospita “Il N’est Pas Encore Minuit”, di Compagnie XY e il Teatro Duse accoglie “The Chinese Acrobatic Circus of Henan” di The China Acrobatic Troupe.

Ha aderito Fondazione Cineteca che presenta un ciclo di film dedicato al circo. Nel Parco della Montagnola, Sotto il Tendone di Ca’, andranno in scena gli spettacoli realizzati dalla compagnia Ca’ Luogo d’Arte, nata nel 2002 sotto la direzione artistica di Maurizio Bercini che, insieme alla drammaturga Marina Allegri e all’attore Alberto Branca, ha rifondato il suo pensiero teatrale partendo da una cascina di campagna trasformata in luogo del fare e del pensare. Dal 28 al 31 dicembre un grande guscio colorato a strisce rosse e gialle ospiterà le repliche di “Un canto di Natale” tratto dal racconto omonimo di Charles Dickens, una poetica opera musicale in cui un musicista e tre attori, adagiati su una mappa di Londra, accompagneranno il pubblico in una delle storie più conosciute e amate del grande autore inglese. Poi il 2 e 3 gennaio sarà la vota di quello che la critica ha definito un piccolo capolavoro “La Piccola Fiammiferaia” tratto dal racconto omonimo di H.C. Andersen, con la regia e l’inconfondibile cifra stilistica di Maurizio Bercini.

Si potrà godere del circo tradizionale che farà tappa a Parco Nord con il grande e rinnovato chapiteau della storica famiglia Togni che ritorna a Bologna dopo 16 anni con “Il Circo Americano”.

Acrobati e trampolieri animeranno le strade del centro città

Il 27 e il 28 dicembre – con partenza da Piazza Maggiore alle ore 15 – “In punta di Piedi – Festa dei trampolieri”, lo show itinerante con figure di animali e piante e con ballerini sui trampoli – proposto da Open Circus, progetto dell’Associazione Culturale Circo e dintorni – che vede protagoniste diverse compagnie di trampolieri, saltimbanchi e artisti in performance ed esibizioni lungo le strade del centro cittadino. La compagnia Baracca dei Buffoni propone “Tra Le Nuvole”, un grande omaggio a Federico Fellini in cui clown bianchi accompagneranno il pubblico a rivivere le atmosfere del più grande inventore di sogni italiano e “Fleur” un vero e proprio bouquet animato di fiori ‘umani’ in movimento. La compagnia Piccolo Nuovo Teatro presenterà invece la “Parata degli Elfi” ispirata ai piccoli aiutanti di Babbo Natale e la “Parata del Bianco”, animata da angeli senza ali e tanti palloni lanciati nel cielo per celebrare il colore della neve. Poi, dopo Capodanno e sempre in tema di acrobazie, Piazza Maggiore accoglierà gli atleti di Slackline Bologna ASD. Il 4 gennaio infatti dalle 14 alle16.30 chi alzerà lo sguardo potrà lasciarsi sorprendere dalle esibizioni sportive di Highline: una serie di esercitazioni a cielo aperto e prove di equilibrio su una fettuccia di poliestere a 25 metri d’altezza, con camminate, acrobazie, figure statiche e “bounce tricks”.

Oltre al Circo

Oltre alla novità rappresentata dalla suggestione del circo che quest’anno caratterizza il programma, il Comune di Bologna conferma, per la notte del 31 dicembre la grande serata in Piazza Maggiore, sempre amatissima dal pubblico, con il rogo del tradizionale Vecchione, quest’anno disegnato da Andrea Bruno e la musica di Nas 1 e DJ Rou che si esibiranno da Palazzo del Podestà.

Per iniziare bene l’anno nuovo, domenica 1° gennaio al Teatro Auditorium Manzoni, si rinnova l’appuntamento con “Valzer”, il concerto della Filarmonica del Teatro Comunale di Bologna diretta Hirofumi Yoshida che propone i valzer più belli dei grandi compositori classici. Un effervescente celebrazione di inizio anno nuovo con una ricca scelta dei brani danzanti legati alla tradizione del Capodanno: dai Valzer, ai Galop ai ballabili,si susseguiranno a ritmo di danza le più belle pagine di Verdi, Chopin, Delibes, Strauss, Borodin, Dvořák, Prokofiev.

Bologna per le feste propone una scelta davvero ricca di mostre da visitare alle quali si aggiungono come sempre lestraordinarie collezioni permanenti dell’Istituzione Bologna Musei (tutti gli orari su www.museibologna.it/). Accesso illimitato alle collezioni di oltre 20 musei dell’Area Metropolitana e riduzioni per mostre temporanee, cinema e teatri si ottengono con la Card Musei Metropolitani di Bologna (tutte le info su riduzioni, luoghi e modalità di acquisto su www.comune.bologna.it/cultura/card-musei-bologna)

Tutto il programma delle festività si consulta online
www.bolognagendacultura.it è il sito web del Comune di Bologna che presenta tutta l’offerta culturale cittadina – spettacoli, musica, mostre, cinema, visite guidate, attività per i più piccoli. bolognagendacultura.it è disponibile anche su app (iOS e Android): è possibile scaricarla gratis: info su www.bolognagendacultura.it/app

Il programma

“The chinese acrobatic circus of Henan” Show internazionale di The China Acrobatic Troupe
Teatro Duse, via Cartoleria, 42
dal 29 dicembre al 1 gennaio
(giovedì 29 e venerdì 30 ore 21; sabato 31 ore 21.30; domenica 1 ore 16)
La disciplina acrobatica in Cina ha una storia millenaria: la compagnia The China Acrobatic Troupe di Henan mantiene e preserva le arti tradizionali acrobatiche mescolandole con nuovi elementi mediante l’utilizzo di tecniche e movimenti moderni. Quello che più stupisce di questa compagnia è che non sono eccezionali solamente nella giocoleria, ma anche nel contorsionismo e nelle acrobazie più complesse. In Cina, i nodi sono una delle tipiche forme d’arte tradizionale. In cinese, “nodo” significa riunione, amicizia, pace, calore, matrimonio, tutte parole che sono spesso utilizzate per esprimere auguri e benevolenza e sono considerate come una delle più belle espressioni dell’arte circense. Lo spettacolo utilizza ingegnose geometrie a forma di diamante, movimenti aggraziati e straordinari atleti per creare l’immagine di nodi cinesi. L’intero modello cambia costantemente la sua forma insieme con l’azione di ogni esecutore, come se fosse dotato di una vita propria. L’intera scena ricorda un mare rosso agitato dalla passione, che proietta il pubblico in un sogno ad occhi aperti.
Info e costi su www.teatrodusebologna.it

Il n’est pas encore minuit – Compagnie XY
Teatro Arena del Sole, via Indipendenza 44
dal 30 dicembre al 3 gennaio
(venerdì 30 ore 21; sabato 31 ore 21.30; domenica 1 ore 16; martedì 3 ore 21)
Terza creazione collettiva di Compagnie XY: sul palco ventidue acrobati che esprimono virtuosismi ad alto tasso di spettacolarità. Durante lo spettacolo, i numeri di acrobazia si moltiplicano, e così i salti mortali, le colonne umane sempre più in alto in un crescendo di adrenalina. Circo contemporaneo e danza si coniugano nello spettacolo della compagnia di Lille la cui vera forza è il gruppo stesso: la fiducia, l’ascolto, la precisione, la solidità e la solidarietà, l’affiatamento, la generosità, che spingono una moltitudine di acrobati ad andare oltre i propri limiti ma a farlo con spensieratezza. Compagnie XY è un collettivo creativo, un organismo, un corpo solo, un cuore solo, un respiro solo, la cui energia lascia tuttavia spazio alla poesia.
Info e costi su www.arenadelsole.it

“Il Circo al Cinema”
Cineteca di Bologna, Cinema Lumière, Piazzetta P. P. Pasolini
fino al 7 gennaio
Il circo secondo Ewald Dupont, Chaplin, i Marx, Fellini, Alex de la Iglesia per arrivare al prodigioso Men on Wire, il documentario che racconta l’avventura dell’equilibrista francese Philippe Petit che camminò su una corda tesa sul vuoto tra le Twin Towers.
Info e costi www.cinetecadibologna.it

“In punta di pedi” La festa dei trampolieri
Centro storico con partenza da Piazza Maggiore
27 e 28 dicembre dalle ore 15.00
Poesia visiva in equilibrio su gambe di legno. Animali, piante e ballerini sui trampoli a spasso per le vie della città. A cura di Open Circus/Associazione Culturale Circo e dintorni
gratuito

Sotto il tendone di Cà – due spettacoli a cura di Ca’Luogo d’Arte
Parco della Montagnola, via Irnerio
dal 28 al 31 dicembre
“Un canto di Natale” spettacolo tratto dal racconto omonimo di Charles Dickens (mercoledì 28 ore 18.30; giovedì 29 e venerdì 30 ore 16.30 e ore 18.30; sabato 31ore 16.30)
Questo spettacolo è innanzitutto musica. In una piccola scena adagiata sulla cartina di Londra un musicista e tre attori accompagnano il racconto. Il racconto è uno dei più conosciuti di Charles
“La piccola Fiammiferaia” spettacolo tratto dal racconto omonimo di H.C. Andersen (2 e 3 gennaio ore 16.30 e 18.30)
«Un piccolo capolavoro». Così la critica ha definito la realizzazione scenica di questa fiaba di Andersen che porta la firma inconfondibile e la cifra stilistica di Maurizio Bercini.
Entrambi gli spettacoli da prenotare al numero 393 3197060 attivo dalle ore 10 alle 18
info e costi www.caluogodarte.com/

Dimostrazione sportiva di Highline
Piazza Maggiore
4 gennaio dalle 14 alle 16.30
In equilibrio su una fettuccia di poliestere a circa 25 metri di altezza dal suolo di Piazza Maggiore, gli atleti di Slackline Bologna ASD si esibiranno in attraversamenti e spettacolari acrobazie.
La dimostrazione consisterà in diversi attraversamenti degli atleti dell’Associazione i quali si esibiranno anche in figure statiche nonché “bounce tricks”. La fettuccia ha una larghezza di 2,5 cm ed uno spessore di qualche mm. aggiungere che non sono professionisti
gratuito

Capodanno in Piazza Maggiore
31 dicembre dalle ore 22.30
Dj Rou e Nas1 dj set dal Palazzo del Podestà
A mezzanotte “L’Ussaro”, rogo del vecchione d’Artista di Andrea Bruno
gratuito

Valzer
Auditorium Teatro Manzoni, via De’ Monari 1 / 2
1 gennaio ore 18
I valzer più belli dei grandi compositori classici eseguiti da FTCB – Filarmonica del Teatro Comunale di Bologna, direttore Hirofumi Yoshida.
La Filarmonica del Teatro Comunale di Bologna celebra l’inizio del nuovo anno in modo effervescente con una ricca scelta dei brani danzanti legati alla tradizione del Capodanno. Dai Valzer, ai Galop ai ballabili si susseguiranno a ritmo di danza le più belle pagine di Verdi, Chopin, Delibes, Strauss, Borodin, Dvořák, Prokofiev.
Info e costi su www.auditoriummanzoni.it

Mostre e musei aperti
Il 1° gennaio sono aperte le principali mostre presenti in città. Inoltre, è #Domenicalmuseo e come ogni prima domenica del mese l’Istituzione Bologna Musei apre gratuitamente alcune delle sue sedi. Saranno aperti: Museo Civico Archeologico, Museo Civico Medievale, Collezioni Comunali d’Arte, Museo Morandi e MAMbo – Museo d’arte Moderna di Bologna.
Info su www.museibologna.it e www.bolognawelcome.com

Lascia un commento