Aosta, concerto di Federico Colli

L’Assessorato istruzione e cultura nell’ambito della Saison Culturelle 2015/2016 ospiterà, venerdì 26 febbraio 2016, alle ore 21, al Teatro Splendor di Aosta, il concerto del pianista Federico Colli.

Dopo il Primo Premio al Concorso Mozart di Salisburgo nel 2011 e la vittoria con Medaglia d’oro al Concorso Pianistico Internazionale di Leeds, Federico Colli ha intrapreso una promettente carriera internazionale, ottenendo un notevole successo di pubblico e di critica. Nato a Brescia nel 1988, ha studiato al Conservatorio di Milano, all’Accademia S. Cecilia di Bergamo, all’Accademia Pianistica di Imola e al Mozarteum di Salisburgo, sotto la guida di Sergio Marengoni, Konstantin Bogino, Boris Petrushansky e Pavel Gililov. Sebbene del tutto individuale, Federico Colli riporta ai lontani giorni di Lupu e Perahia [con] una brillantezza cristallina e una translucenza che conducono al cuore di tutto ciò che suona (B. Morrison, Gramophone). Il debutto alla Barbican Hall di Londra, nel Terzo Concerto di Rachmaninov con la BBC Symphony Orchestra diretta da Sakari Oramo, ha riscosso vivissimi apprezzamenti: Questa opera, suonata con formidabile delicatezza, timbrica chiara e fraseggio calligrafico, è un bacio di Valentino, fresco, un po’ triste, elegante. Ma Federico Colli si prende cura di sedurre l’ascoltatore prima di trascinarlo ai suoi piedi (A. Picard, The Times). Si è esibito nel mondo intero, dalla Konzerthaus di Vienna con l’Orchestra da Camera di Vienna, alla Philharmonic Hall di Liverpool con la Royal Liverpool Philharmonic, nella Salle Cortot di Parigi, nella Sala Verdi di Milano e al Palazzo del Quirinale, a Kiev con la Filarmonica Nazionale dell’Ucraina, all’Auditorium Toscanini di Torino con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Filippo Maria Bressan e al Concertgebouw di Amsterdam con la South Netherlands Philharmonic. Federico Colli affronterà un programma che muove dalla perfezione classica di Mozart per approdare al Romanticismo con un florilegio chopiniano di grande spessore espressivo. La prima parte del concerto vede in primo piano la forma classica della variazione su di un tema nella sua evoluzione tra fine Settecento e inizio Ottocento attraverso le opere dei suoi più grandi compositori, Mozart e Beethoven. Le tre pagine chopiniane appartengono alla fase conclusiva della vita del compositore polacco; infatti, l’ultima raccolta pianistica pubblicata è l’op. 64, un insieme di Trois Valses, composto fra il 1846 ed il 1847. Anche le Tre Mazurke op. 63 appartengono all’estrema stagione compositiva chopiniana e sono caratterizzate da uno stile asciutto ed essenziale. Il programma di questo concerto termina con una selezione dei 24 Preludi op. 11 di Aleksander Skrjabin (1872-1915), di cui lo scorso anno è stato celebrato il centenario della scomparsa.

Si ricorda che alle ore 18, presso la Biblioteca regionale di Aosta, sarà proposto un ascolto guidato dei brani in programma.

PROGRAMMA:

Wolfgang Amadeus Mozart: Variazioni in sol maggiore su un tema di Gluck K.455

Ludwig van Beethoven: Sonata in mi maggiore op. 109

– Vivace ma non troppo

– Prestissimo

– Gesangvoll, mit innigster Empfindung. Andante molto    cantabile ed espressivo

Fryderyk Chopin:       – Valzer in re bemolle maggiore op. 64 n. 1

– Valzer in do diesis minore op. 64 n. 2

– Mazurka in do diesis minore op. 63 n. 3

Alexander N. Skrjabin          dai Preludi op. 11:

La Saison Culturelle 2015/2016 è realizzata dall’Assessorato Istruzione e Cultura della Regione autonoma Valle d’Aosta col patrocinio della Fondazione CRT Cassa di Risparmio di Torino.

Il prezzo del biglietto è € 13 intero e € 10 il ridotto.

Lo spettacolo è incluso degli abbonamenti Pleine Saison, Tuttomusica e Classica.

Per ulteriori informazioni rivolgersi all’Assessorato Istruzione e Cultura della Regione autonoma Valle d’Aosta,  Attività culturali, n. verde 800 141 151, 0165 32778.

Sito internet www.regione.vda.it  e-mail saison@regione.vda.it

9 su 10 da parte di 34 recensori Aosta, concerto di Federico Colli Aosta, concerto di Federico Colli ultima modifica: 2016-02-18T10:02:40+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento