Balneari, nasce a Pescara il Ciba-Confartigianato

Sviluppo del turismo, coordinamento unico tra balneari, albergatori, commercianti e ristoratori per un marketing territoriale avanzato, promozione di eventi estivi, impegno in materia di direttiva Bolkestein: con questi obiettivi si è costituito nei giorni scorsi, a Pescara, il Ciba-Confartigianato, cioè il Consorzio Imprese Balneari Adriatico, nata in seno a Confartigianato Imprese Pescara.

Il consiglio direttivo è formato da sette elementi, tre della riviera Sud e quattro della riviera Nord: Stefano Cardelli (presidente), stabilimento Nettuno; Lorenzo Papa (Plinius); Alessandro Mundula (Miramare); Riccardo Ciferni (Trieste); Giuseppe Di Giacomo (Coralba); Marco Schiavone (Tramonto); Vittoriano Lemme (Circolo della Vela).

“Il consorzio – afferma Cardelli – è nato nel 2006 e si appresta a compiere i dieci anni di attività. Le nostre battaglie hanno riguardato molte tematiche importanti, dal piano spiaggia del 2006-2007 alle manifestazioni contro la direttiva Bolkestein, ideando la tesi per la salvezza delle imprese balneari che, a tutt’oggi, in Italia, è considerata la soluzione migliore e cioè la sdemanializzazione”.

“Ci muoviamo da tempo anche sul fronte inquinamento e proprio dal consorzio – conclude il presidente del Ciba-Confartigianato – è arrivato un importante contributo alle iniziative proposte nel documento unitario che le associazioni di categoria hanno sottoscritto per far fronte all’attuale emergenza inquinamento del fiume Pescara e del mare”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Balneari, nasce a Pescara il Ciba-Confartigianato Balneari, nasce a Pescara il Ciba-Confartigianato ultima modifica: 2016-02-17T15:48:58+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento