Tropea e Polistena sotto choc per il suicidio di don Aldo Lamanna, perché si è tolto la vita?

Aldo LamannaSi è gettato dalla rupe di Tropea don Aldo Lamanna, frate francescano di 42 anni del Convento dei “Frati minori”, nativo di Polistena in provincia di Reggio Calabria.

Sono stati alcuni passanti a ritrovare il corpo vicino alla spiaggia “Marina del Convento” nei pressi del lungomare e del lido Calipso. Il religioso era responsabile della chiesa dell’Annunziata di Tropea. Frate Aldo Lamanna si dedicava dal tempo anche al recupero dei tossicodipendenti.

Tropea e Polistena sono sotto choc per la morte volontaria del religioso. Il prete si è, infatti, suicidato. E’ la conclusione alla quale sono giunti i Carabinieri dopo le verifiche sul luogo e la ricostruzione dei fatti. Sul corpo del sacerdote non erano presenti segni di resistenza alla caduto o escoriazioni. Nessun tentativo di appiglio alla rupe.

Dal 2011 viveva a Tropea. Aveva aperto un oratorio in viale Tondo. Era rimasto orfano di padre fin da piccolo. “Ultimamente – riferiscono i parrocchiani – soffriva di depressione. Un malessere profondo che lo ha dilaniato internamente, giorno dopo giorno”. Un malessere alimentato da una serie di drammi familiari: la morte di un fratello e la mamma ammalata. Aveva anche chiesto aiuto ai fedeli che frequentano la parrocchia dell’Annunziata. Domenica scorsa, nella sua ultima omelia, aveva confessato di non stare bene. “Pregate per me”.

Lascia un commento