Roma, armi e droga arrestati Oreste Colantoni e Alessandro Graziani

Due persone sono state arrestate a Roma dalla Polizia perché trovate in possesso di armi e droga. È stata la Quinta Sezione della Squadra Mobile della Questura, specializzata nei reati contro il patrimonio e la pubblica amministrazione, ad eseguire una decina di perquisizioni disposte dalla locale Procura della Repubblica nell’ambito di una attività investigativa finalizzata al contrasto dei reati predatori. Al termine delle indagini gli agenti hanno arrestato Oreste Colantoni, 46 anni, e Alessandro Graziani, 49 anni, entrambi pregiudicati e gravitanti nella zona nord della Capitale. In particolare a Colantoni sono stati sequestrati 130 gr di cocaina, risultata pura all’87%, oltre a 2 bilancini di precisione, il tutto nascosto all’interno del proprio box.

A Graziani sono stati sequestrati droga ed armi. All’interno del suo appartamento erano custoditi dieci panetti di hashish per un peso di circa 1 Kg, 3 involucri contenenti cocaina per un peso complessivo di 50 grammi e sostanza da taglio. Nel corso della perquisizione sono stati inoltre, trovati e sequestrati, a carico di Graziani, due ordigni lacrimogeni da lancio, di tipo militare e di fabbricazione russa, calibro 40 mm in precarie condizioni di conservazione per i quali, dato l’elevato pericolo di scoppio, sono intervenuti gli Artificieri Antisabotaggio della Polizia di Stato che, dopo aver messo in sicurezza gli ordigni, li ha fatti brillare in un luogo idoneo. Nella stessa abitazione è stato poi rinvenuto munizionamento, anche da guerra, oltre a numerose armi da taglio.

Terminate le formalità di rito Graziani è stato condotto nel carcere di Civitavecchia mentre Colantoni è stato condotto in Tribunale e successivamente sottoposto alla misura degli arresti domiciliari.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, armi e droga arrestati Oreste Colantoni e Alessandro Graziani Roma, armi e droga arrestati Oreste Colantoni e Alessandro Graziani ultima modifica: 2016-01-23T22:53:48+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento