Arrestato a Londra l’imprenditore italiano Francesco Becchetti editore di Agon Channel

Il connazionale, proprietario del canale televisivo in onda sul digitale terrestre prodotto con un progetto albanese, è stato fermato nella capitale inglese per conto della autorità di Tirana che lo scorso giugno avevano emesso un ordine di cattura internazionale nei suoi confronti.

Francesco Becchetti deve rispondere di “falso in documentazione” e “riciclaggio di denaro”. La corte di Londra avrebbe ordinato gli arresti domiciliari per l’imprenditore che entro il prossimo 7 dicembre dovrebbe essere estradato in Albania dove prosegue l’inchiesta sulla sua attività. Gli inquirenti sospettano che nel periodo 2007-2013 Becchetti abbia messo in piedi “un gigantesco meccanismo di riciclaggio” che gli avrebbe fruttato, secondo la Procura albanese, “alcuni milioni di euro”. Becchetti avrebbe inoltre evaso anche il fisco per una somma di oltre 5 milioni di euro. I suoi beni sono sotto sequestro.

Francesco Becchetti

Agon Channel è stata inaugurata a Tirana nel 2013 su idea di Francesco Becchetti, amministratore delegato della Becchetti Energy Group e presidente del Leyton Orient, squadra londinese di terza serie alla quale viene dedicato un talent del canale. Il canale è di tipo generalista. I format sono prodotti in Albania, nel centro di produzione di Tirana, e il canale trasmette in Italia dagli studi albanesi. La concessionaria della pubblicità è Prs. L’investimento per l’apertura del canale è costato all’editore 40 milioni di euro. Le trasmissioni in italia hanno avuto inizio ufficialmente il primo dicembre 2014, con un’anticipazione al 26 novembre 2014 del gala di apertura del canale condotto da Simona Ventura e Massimo Ghini con ospite Nicole Kidman.

9 su 10 da parte di 34 recensori Arrestato a Londra l’imprenditore italiano Francesco Becchetti editore di Agon Channel Arrestato a Londra l’imprenditore italiano Francesco Becchetti editore di Agon Channel ultima modifica: 2015-11-04T16:12:31+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento