Penne, inaugurazione della stazione di inanellamento per lo studio della migrazione degli uccelli

La Riserva Regionale Lago di Penne in collaborazione con la Provincia di Pescara, inaugura il 23 ottobre 2015 alle ore 10, nel centro visite della riserva, la stazione di inanellamento per lo studio della migrazione degli uccelli. Si tratta di una delle 60 stazioni della rete di monitoraggio dell’avifauna italiana del progetto MonITRing coordinato dal centro nazionale dell’inanellamento dell’Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale.
Il progetto, ai fini di una politica di conservazione e gestione dell’avifauna, é finalizzato ad approfondire la conoscenza delle variazioni stagionali delle comunità ornitiche che frequentano la riserva in un’ottica di crescente attenzione alla “green economy” con la definizione delle fasi stagionali caratterizzate dalla massima ricchezze di specie, importanti per orientare l’eco-turismo basato sull’osservazione degli uccelli. I dati raccolti dall’inanellatore Franco Recchia contribuiscono a migliorare la conoscenza della biodiversità della riserva naturale in relazione ai cambiamenti profondi che si registra nell’area floro-faunistica dove negli ultimi venti anni sono stati piantati oltre ventimila alberi e arbusti autoctoni. All’inaugurazione parteciperà l’ornitologo Fernando Spina dirigente di ricerca ISPRA e Presidente del Consiglio Scientifico della Convenzione di Bonn. Alla stazione ornitologica di Penne collaborano oltre al personale della riserva e agli operatori della rete Rica delle cooperative che gestiscono l’area protetta, i giovani richiedenti asilo ospiti per alcuni mesi nelle strutture del Lapiss. I giovani provenienti dalle regioni subsahariane hanno effettuato lo stesso viaggio migratorio di nitticore, upupe e rondini che effettuano ogni anno un viaggio impegnativo per raggiungere le campagne e i boschi della Riserva di Penne.

Lascia un commento