Roma, catturati i latitanti Giuseppe e Antonio Strangio

I due di 36 e 33 anni dell’omonima cosca di San Luca, sono stati catturati con una operazione lampo, gli agenti della Squadra Mobile, coordinati dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato. Il primo ad essere preso è stato Antonio, sorpreso in giardino e bloccato nonostante il suo tentativo di fuga. Quindi è stato catturato il fratello Giuseppe, che era all’interno dell’abitazione.

I due, entrambi nativi di Locri, erano destinatari di un fermo di indiziato di delitto emesso dalla Dda di Roma e Reggio Calabria a conclusione dell’indagine denominata “Acero – Krupy”, condotta nei confronti di appartenenti alle cosche Aquino/Coluccio, Figliomeni, Commisso, Strangio operative in Calabria e nel Lazio, ritenuti responsabili di associazione di tipo mafioso, traffico internazionale di sostanze stupefacenti, traffico di armi e riciclaggio, reati consumati in ambito nazionale e internazionale.

I fratelli Strangio sono ritenuti appartenenti alla nota famiglia di ‘ndrangheta degli Strangio detti “Janchi”, attiva a San Luca e federata al clan Nirta e contrapposta con gli stessi ai Pelle nella nota faida di San Luca che ha mietuto decine di vittime dal 1991 in poi e che ha avuto il suo epilogo nella strage di Duisburg, in Germania avvenuta 15 agosto del 2007.

Nel corso della perquisizione sono stati sequestrati circa 5.000 euro, cinque telefoni cellulari, carte di credito e altro materiale nella disponibilità dei fratelli Strangio.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, catturati i latitanti Giuseppe e Antonio Strangio Roma, catturati i latitanti Giuseppe e Antonio Strangio ultima modifica: 2015-10-20T20:26:45+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento