Roma, preso il piromane dell’Aurelio è un romano di 49 anni nella vita fa il dog sitter

In pochi mesi ha mandato in fumo più di trenta auto. L’uomo è stato arrestato dalla Polizia con l’accusa di incendio doloso. Il piromane è un romano di 49 anni, incensurato.

Giorni fa, dopo l’ennesimo incendio sviluppatosi su un’auto parcheggiata in via Ettore Stampini, alcune persone hanno riferito ai poliziotti intervenuti, di aver notato un uomo a bordo di una vecchia Fiat 600 di colore rosso che, pochi istanti prima della combustione, aveva parcheggiato la sua auto proprio a fianco del veicolo andato a fuoco. Il sospettato, rintracciato subito dopo nelle vicinanze del luogo dove si erano verificati i fatti, è stato controllato ma l’accertamento non ha dato esiti positivi ed è stato rilasciato.

Da quel momento gli agenti hanno deciso di pedinarlo e di controllare i suoi spostamenti. Due sere fa l’uomo, sempre a bordo dell’utilitaria di colore rosso, arrivato in via Licio Giorgeri, è sceso dall’auto e dopo essersi guardato intorno, si è accovacciato per non farsi vedere e si è nascosto dietro un autovettura parcheggiata. A questo punto ha estratto un accendino dalle tasche ed ha dato fuoco al fascione in resina dell’auto. Tutto questo sotto gli occhi degli agenti appostati che, notata la scena, sono intervenuti bloccando l’uomo e spegnendo le fiamme.

Il piromane è stato perquisito e trovato in possesso di due accendini con il regolatore del gas posto al massimo. Accompagnato in ufficio, al termine degli accertamenti, è stato arrestato con l’accusa di incendio doloso e processato per direttissima. Condannato ad un anno e otto mesi, all’uomo sono stati concessi i benefici degli arresti domiciliari.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, preso il piromane dell’Aurelio è un romano di 49 anni nella vita fa il dog sitter Roma, preso il piromane dell’Aurelio è un romano di 49 anni nella vita fa il dog sitter ultima modifica: 2015-10-14T17:28:28+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento