Roma, Renzi fa dimettere Causi, Esposito e Di Liegro ma il sindaco Marino non molla

La faida dei democratici tocca il fondo. E il regolamento dei conti in sospeso si fa in Campidoglio. Vittima della sfida tra renziani e anti renziani è il sindaco medico Ignazio Marino.

Matteo Renzi dopo aver nominato un commissario in vista del Giubileo, punta a commissariare Roma. Risultato: il Movimento Cinque Stelle è pronto a fare il colpaccio conquistando la Capitale.

E Roma potrebbe essere solo l’inizio della guerra fratricida nel Pd. Dopo il “niet” di Ignazio Marino deciso a non dimettersi, arriva il piano B: le dimissioni della giunta. Se ne vanno il vice sindaco Marco Causi e gli assessore Stefano Esposito e Luigina Di Liegro. “Non ci sono le condizioni per proseguire”, avevano detto gli assessori poco prima di lasciare l’incarico.

Ma non è finita. Il Pd, con l’appoggio di Sel, potrebbe presentare una mozione di sfiducia. Basterebbero anche le dimissioni dei consiglieri per porre la parola fine. E aprire le porte prima all’arrivo di un commissario poi a nuove elezioni.

“Meglio tardi che mai; se arrivano le dimissioni di Marino, allora veramente sarà un buongiorno per Roma”. Lo ha riferito il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, a margine dei lavori della Conferenza delle Regioni.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, Renzi fa dimettere Causi, Esposito e Di Liegro ma il sindaco Marino non molla Roma, Renzi fa dimettere Causi, Esposito e Di Liegro ma il sindaco Marino non molla ultima modifica: 2015-10-08T17:43:43+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento