Sentenza Catania, il Sindaco Enzo Bianco, “Eccessiva, è opportuno ricorso”

 BIANCO2Il Sindaco, “Avevo apprezzato il grande equilibrio del procuratore Palazzi, ma i cinque punti da lui richiesti sono stati più che raddoppiati e così si punisce tutta la città rischiando di compromettere per lungo tempo il calcio in questa zona della Sicilia. La sentenza contro il Catania è eccessiva. Penso sia opportuno ricorrere contro questa sentenza“.

Lo ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco (nella foto) commentando la decisione del Tribunale della Figc di condannare la società rossazzurra alla retrocessione in Lega Pro con ben dodici punti di penalizzazione per i noti fatti della fine dello scorso campionato. “Fin dal primo momento – ha ricordato Biancoavevo sottolineato che punizioni troppo drastiche avrebbero potuto compromettere gravemente il calcio in questa zona della Sicilia, con conseguenze assai gravi per tutto lo sport locale. Avevo apprezzato il grande equilibrio della richiesta del procuratore della Fgci Stefano Palazzi, da tempo impegnato, con la sua azione, per un calcio più pulito. Ma i cinque punti chiesti da Palazzi sono stati più che raddoppiati, come se si volessero umiliare tutti quegli sportivi e tifosi catanesi che hanno nettamente preso le distanze dalle gravi colpe ammesse da Pulvirenti. Quest’ultimo, che pagherà di persona per le sue colpe, ha espresso la volontà di cedere la società e lasciare il calcio“.
Catania – ha concluso il primo cittadinio – è una città di sport pulito e non merita una punizione di queste proporzioni. Ci auguriamo una soluzione più equa nel nostri confronti”. 

Il Calcio Catania, pertanto, rende noto che presenterà ricorso alla Corte Federale di Appello nei termini previsti dalla normativa federale vigente.

9 su 10 da parte di 34 recensori Sentenza Catania, il Sindaco Enzo Bianco, “Eccessiva, è opportuno ricorso” Sentenza Catania, il Sindaco Enzo Bianco, “Eccessiva, è opportuno ricorso” ultima modifica: 2015-08-21T10:29:39+00:00 da Lucio Di Mauro
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento