Schignano, incidente in motagna a Sasso Gordona morta Izia Cuppilard di 4 anni

Ennesima tragedia che vede protagonista un escursionista. Questa volta si tratta di una bambina francese di soli quattro anni. La bimba era stata recuperata in condizioni disperate, dopo un volo di un centinaio di metri lungo un canalone nella zona del Sasso Gordona.

Izia Cuppilard non è sopravvissuta alle terribili ferite. I medici dell’ospedale di Bergamo si sono dovuti arrendere.

L’incidente è avvenuto sabato verso le 14, mentre con i genitori percorreva il sentiero che conduce al Sasso Gordona, a poca distanza dal Rifugio Prabello e dal confine svizzero. Qui è scivolata lungo la scarpata che costeggiava il tragitto. La bimba è scivolata per un centinaio di metri, sfuggita al controllo sotto gli occhi di mamma e papà, senza più riuscire a fermarsi. In pochi attimi, ha urtato violentemente sassi e arbusti, procurandosi numerose ferite che l’hanno ridotta in fin di vita. Per il suo recupero, reso difficoltoso dalle condizioni impervie del punto in cui era franata, è intervenuto il 118 assieme al Soccorso Alpino. Il medico l’ha intubata e trasportata in elisoccorso all’ospedale di Bergamo, dove è stata sottoposta a intervento chirurgico per cercare di sanare le ferite più gravi. Nelle ore successive è stata stabilizzata e tenuta in osservazione con terapie intensive, che tuttavia non sono bastate a tenerla in vita.

Una settimana fa un altro gravissimo incidente di montagna, aveva coinvolto un bimbo tedesco di 10 anni, questa volta sul Monte Legnone, nel Lecchese. Anche in questo caso il piccolo era in gita con i genitori, un’escursione nella quale stavano cercando di raggiungere la vetta a quota 2500 metri. Come la bimba francese, è precipitato in un dirupo, facendo un volo di una cinquantina di metri, che gli è stato fatale.

9 su 10 da parte di 34 recensori Schignano, incidente in motagna a Sasso Gordona morta Izia Cuppilard di 4 anni Schignano, incidente in motagna a Sasso Gordona morta Izia Cuppilard di 4 anni ultima modifica: 2015-08-10T10:01:08+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento