Il nuovo ospedale della Stella Maris a Cisanello

Arriva a conclusione un percorso iniziato nel 2011 e che consentirà finalmente la realizzazione di un’opera di rilevanza nazionale in un punto strategico del nuovo assetto urbano di Pisa. È stato firmato nei locali della Provincia di Pisa in piazza Vittorio Emanuele, il contratto di cessione dei terreni alla Fondazione Stella Maris, per la realizzazione del nuovo ospedale di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza a poca distanza dal nuovo Ospedale di Pisa, che coinvolge Provincia di Pisa, Comune di Pisa e Fondazione Stella Maris. Il valore della cessione dei terreni alla Fondazione è così ripartito: 3.150.000 euro alla Provincia di Pisa, e 700.000 euro al Comune di Pisa.La struttura di Calambrone verrà mantenuta principalmente per le attività di ricerca (l’auspicio è di riuscire a potenziarla), mentre la nuova struttura accoglierà la clinica, le cui attività saranno favorite anche dalla vicinanza con l’Ospedale di Cisanello.

Alla conferenza stampa erano presenti il presidente della Provincia e sindaco di Pisa Marco Filippeschi, il Direttore generale IRCCS Fondazione Stella Maris, Roberto Cutajar, il Presidente della Fondazione Stella Maris Avv. Giuliano Maffei, e Ylenia Zambito, assessore Ylenia Zambito.

«La città si arricchisce di una struttura sanitaria di eccellenza – ha dichiarato Marco Filippeschi – pensata  per svilupparsi in modo armonico e complementare con lo spazio del parco pubblico.»

«Questo risultato – ha aggiunto l’assessore Ylenia Zambito – è l’esempio di come la pianificazione urbanistica è strategia per lo sviluppo di una città».

Con il contratto di cessione dei terreni alla Fondazione Stella Maris, per la realizzazione del nuovo ospedale di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza presso Cisanello, che coinvolge Provincia di Pisa, Comune di Pisa e Fondazione Stella Maris, arriva a conclusione un percorso iniziato nel 2011 e che consentirà finalmente la realizzazione di un’opera di rilevanza nazionale in un punto strategico del nuovo assetto urbano di Pisa. «La cessione dei terreni, e l’accordo tra Provincia, Comune e Fondazione – ha dichiarato il Presidente della Provincia e Sindaco di Pisa, Marco Filippeschi – è uno snodo molto importante per l’area e la fisionomia del futuro parco urbano di Cisanello: la città si arricchisce di unastruttura sanitaria di eccellenza pensata  per svilupparsi in modo armonico e complementare con lo spazio del parco pubblico.»

Il Presidente della Fondazione Stella Maris Avv. Giuliano Maffei ha espresso la sua soddisfazione per la firma raggiunta: «Finalmente ci siamo. Dopo alcuni anni di impegno e di attese, il primo grande passodell’acquisto del terreno per il nuovo Ospedale diventa una realtà. La prima pietra di un sogno d’amore e di bontà. In questo momento storico di grande crisi etica, che è poi alla base di quella economica, la costruzione del nuovo Ospedale Stella Maris rappresenta, altresì, un’ iniezione di entusiasmo e di fiducia sulla capacità tutta italiana di saper trasformare una situazione negativa in una nuova prospettiva positiva grazie all’azione della ragione e del cuore e di ciò che, incredibilmente, accade quando questi due ingredienti, solo apparentemente distanti, si uniscono».

«Il nuovo ospedale è necessario perché dobbiamo sempre più specializzare le nostre attività ospedaliere, ricoverare i bambini più gravi, clinicamente più difficili e complessi, renderci indispensabili per poche ma significative attività di ricerca ed assistenza nel campo della neuropsichiatria infantile – ha detto il direttore Generale Direttore generale IRCCS Fondazione Stella Maris, dr. Roberto Cutajar, – per questo per noi è importante andare vicino al Policlinico Nuovo S. Chiara. Non abbiamo mai avuto dubbi sul portare avanti questa operazione. Dopo il preliminare di acquisto, stipulato con la Provincia lo scorso 9 luglio, abbiamo già spedito il bando per la progettazione.» Il valore della cessione dei terreni alla Fondazione è così ripartito: 3.150.000 euro alla Provincia di Pisa, e 700.000 euro al Comune di Pisa.

Il progetto. Il nuovo Ospedale della Fondazione Stella Maris sorgerà nell’area a Cisanello, compresa tra via Cisanello e via Bargagna, a poca distanza dal nuovo Ospedale di Pisa. La nuova struttura risponderà alle esigenze di maggiore comfort, migliorata sicurezza e tecnologia a favore dei bambini  e degli adolescenti ricoverati. Il nuovo Ospedale verrà realizzato sull’area di terreno la cui estensione complessiva è di 27.840 mq. Inizialmente la struttura sarà costruita su un area di 7.000 mq. Lasuperficie edificabile massima autorizzata per eventuali futuri sviluppi è pari a 11.741 mq. Il parco della Stella Maris sarà armonico paesaggisticamente con quello pubblico ed attento ai valori naturalistici. La zona verde potrà essere utilizzata non solo dai bambini in cura all’ospedale, ma anche dalla popolazione più fragile, attraverso un pass da dare alle famiglie pisane con figli svantaggiati o disabili così che possano utilizzare per il tempo libero questa parte di parco che, per ovvie ragioni di sicurezza dei bambini, sarà necessariamente chiuso al libero transito. Il costo complessivo dell’opera sarà di 21 milioni, di cui circa 4 milioni euro per l’acquisto dell’area di terreno di Cisanello da Provincia, Comune e privati. Il resto della grande area verde di Via Bargagna, per una superficie di circa 10 ettari, sarà parco urbano

I tempi. Il bando prevede due fasi, quelle dell’ideazione del ‘concept’, cioè l’idea estetico-paesaggistica generale, e quella del progetto preliminare, mentre il definitivo e l’esecutivo probabilmente  saranno realizzati dalla ditta esecutrice dei lavori. La tempistica prevista è il 31 ottobre per la consegna del ‘concept’ ed il 31 dicembre per il progetto preliminare. I tempi prevedono la posa della prima pietra entro l’autunno del 2016.

9 su 10 da parte di 34 recensori Il nuovo ospedale della Stella Maris a Cisanello Il nuovo ospedale della Stella Maris a Cisanello ultima modifica: 2015-08-03T02:54:59+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento