Premio Giuseppe Alberghini

Per i giovani musicisti e compositori residenti o domiciliati nel territorio, l’Unione Reno Galliera organizza e promuove un concorso intitolato a Giuseppe Alberghini (Pieve di Cento 1879– New York 1954), primo violoncello del Teatro Metropolitan di New York e dell’Auditorium di Chicago.

Il concorso è realizzato con la partnership del Teatro Comunale Bologna, la media-partnership di Radioemiliaromagna e Magazzini Sonori, la collaborazione della Fondazione Musica Insieme, il sostegno dei Lions Club del territorio.

I termini per l’iscrizione scadranno il 30 ottobre 2015 e un Concerto di Gala dei Finalisiti, previsto per il mese di novembre, precederà la cerimonia di premiazione dei vincitori, che saranno anche segnalati alle direzioni artistiche di istituzioni musicali italiane ed estere.

Possono partecipare giovani musicisti e compositori di qualsiasi nazionalità che risiedono o abitano nel territorio di uno degli otto comuni dell’Unione Reno Galliera: Argelato, Bentivoglio, Castel Maggiore, Castello d’Argile, Galliera, Pieve di Cento, San Giorgio di Piano, San Pietro in Casale.

Sei le sezioni previste: Pianoforte, Archi solisti, Fiati solisti, Chitarra, Formazioni cameristiche, Composizione, e quattro le classi di età ammesse: minori di 11, 18, 26 e – per la sola composizione – fino a 35 anni.

La Giuria sarà composta da musicisti provenienti dalla Fondazione Teatro Comunale di Bologna, docenti di Conservatorio, operatori musicali, musicologi, giornalisti. Diversi i premi previsti: un Primo Premio Assoluto al candidato (o formazione) appartenente a ognuna delle sei sezioni e un Premio al finalista o formazione cameristica più giovane. Tutte le borse di studio saranno assegnate al termine del Concerto di Gala dei Finalisiti, che si terrà nel prossimo mese di novembre.

L’iscrizione è gratuita e dovrà essere effettuata compilando l’apposito modulo reperibile sul sito Unione Reno Galliera entro il 30 ottobre c.a. mentre il testo del bando sarà scaricabile dal 20 luglio. I vincitori e i finalisti saranno successivamente invitati a esibirsi in concerti ed eventi organizzati dall’Unione Reno Galliera e segnalati alle direzioni artistiche di istituzioni musicali italiane ed estere.

Ideatore e promotore della manifestazione è Cristiano Cremonini, tenore e consigliere comunale di Castel Maggiore , già fondatore e presidente del “Concorso Lirico Internazionale Città di Bologna”, che in collaborazione con il Comune, il Teatro Comunale di Bologna e i Lions Club, dal 2007 al 2013 ha sostenuto i giovani talenti dell’opera.

Cenni storici
Giuseppe Alberghini – Violoncellista (Pieve di Cento 1879– New York 1954) definito “Il divino Alberghini” dall’amico Gabriele D’Annunzio in una dedica autografa, nato a Pieve di Cento nel 1879, fu il maggiore di quattro fratelli tutti artisti: Luigi (flautista), Alfredo (violinista) e Antonio (pittore). Cominciati gli studi presso la scuola di musica pievese entra dodicenne al Liceo Rossini di Bologna (oggi Conservatorio Martini) sotto il grande Francesco Serato, fondatore del “Quartetto bolognese”, distinguendosi sin dal primo anno. Diplomatosi nel 1898, eseguendo “alla perfezione” il temutissimo concerto op.32 per violoncello di Jules De Swert, comincia da subito la sua carriera lavorando con i principali direttori d’orchestra dell’epoca, in Italia e all’estero. Nel 1905 durante una tournée in Egitto conosce il soprano Alice Zeppilli (cui Pieve di Cento ha dedicato il proprio teatro comunale) che sposerà nel 1913, dopo essersi trasferito negli USA. Diviene primo violoncello del Teatro Metropolitan di New York e dell’Auditorium di Chicago, nonché apprezzato insegnante. Si diletta anche di liuteria, creando il primo violoncello sordino, da studio.
I coniugi Alberghini divideranno il loro tempo tra le dimore di New York, Montecarlo e Pieve di Cento. Giuseppe muore alla fine del 1954 nella grande metropoli americana.

9 su 10 da parte di 34 recensori Premio Giuseppe Alberghini Premio Giuseppe Alberghini ultima modifica: 2015-08-02T02:12:36+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento