Mezzano, il sedicenne Emmanuel Edosa Omoigui morto annegato

IL nigeriano è morto dopo un tuffo nel fiume Lamone a Mezzano, nel Ravennate. Il cadavere di Emmanuel Edosa Omoigui è stato recuperato dai vigili del fuoco circa un’ora dopo, a una trentina di metri dal punto della scomparsa. Inutili tutti i tentativi di rianimarlo compiuti dai medici del 118.

Secondo quanto finora ricostruito, tutto è avvenuto davanti a un luogo nel quale sono soliti ritrovarsi i giovani della zona. Il ragazzo, che abitava non distante insieme al padre, è stato l’ultimo della sua comitiva a giungere sul posto. E’ stato l’unico a decidere di tuffarsi. Dopo un primo tuffo è riemerso. Al secondo tuffo ha iniziato ad accusare difficoltà e, dopo alcune bracciate, ha chiesto aiuto. All’inizio gli amici pensavano si trattasse di uno scherzo, poi una ragazza ha allertato i soccorsi. Il sedicenne, trascinato dalla corrente, è però scomparso sott’acqua.

Sul posto è giunto poco dopo anche il padre del ragazzo, avvertito di quanto stava accadendo da alcuni conoscenti. L’uomo, nella più totale disperazione, ha così assistito al recupero del cadavere del figlio.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento