Mezzano, il sedicenne Emmanuel Edosa Omoigui morto annegato

IL nigeriano è morto dopo un tuffo nel fiume Lamone a Mezzano, nel Ravennate. Il cadavere di Emmanuel Edosa Omoigui è stato recuperato dai vigili del fuoco circa un’ora dopo, a una trentina di metri dal punto della scomparsa. Inutili tutti i tentativi di rianimarlo compiuti dai medici del 118.

Secondo quanto finora ricostruito, tutto è avvenuto davanti a un luogo nel quale sono soliti ritrovarsi i giovani della zona. Il ragazzo, che abitava non distante insieme al padre, è stato l’ultimo della sua comitiva a giungere sul posto. E’ stato l’unico a decidere di tuffarsi. Dopo un primo tuffo è riemerso. Al secondo tuffo ha iniziato ad accusare difficoltà e, dopo alcune bracciate, ha chiesto aiuto. All’inizio gli amici pensavano si trattasse di uno scherzo, poi una ragazza ha allertato i soccorsi. Il sedicenne, trascinato dalla corrente, è però scomparso sott’acqua.

Sul posto è giunto poco dopo anche il padre del ragazzo, avvertito di quanto stava accadendo da alcuni conoscenti. L’uomo, nella più totale disperazione, ha così assistito al recupero del cadavere del figlio.

9 su 10 da parte di 34 recensori Mezzano, il sedicenne Emmanuel Edosa Omoigui morto annegato Mezzano, il sedicenne Emmanuel Edosa Omoigui morto annegato ultima modifica: 2015-07-26T23:01:20+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento