Silent play, Pietre che parlano tra cinema e architettura

Come si trasformerebbe la realtà se gli edifici potessero parlare? Se le strade si riempissero di storie e memorie, di voci, di suoni e di emozioni? La risposta è in “Pietre che parlano”, che andrà in scena sabato 18 luglio (ore 18 e 20), terzo appuntamento per “Silent play. itinerari d’estate in città”, il progetto curato da La Piccionaia per cartellone estivo “L’estate a Vicenza. Palcoscenico urbano” promosso dal Comune di Vicenza in collaborazione con il Consorzio Vicenzaè.
Creato da Carlo Presotto, Paola Rossi e Matteo Balbo, l’itinerario prevede la conduzione di un performer e l’utilizzo di radioguide da parte di partecipanti. A partire da Casa Cogollo (Corso Palladio 165), la città si racconterà in un viaggio tra l’architettura e le suggestioni del grande schermo. Si attraverseranno, tra le altre, Piazza dei Signori e Piazza Matteotti, nel corso di una passeggiata di circa 45 minuti, ricca di incanto e stupore: uno sguardo sulla città e sulla sua gente, sospeso tra passato, presente e futuro. La drammaturgia originale è stata composta dai tre artisti vicentini elaborando la documentazione storico-artistica con brani musicali e letterari, ma soprattutto con le testimonianze di chi quei luoghi ha attraversato e attraversa ancora. Il risultato: una narrazione inedita della città che ne fa emergere memorie e prospettive, ridisegnandola con modalità creative e partecipate. Un teatro fuori dal teatro, che mette in scena lo spazio urbano, architettonico e umano della città del Palladio.
Silent Play prosegue con l’itinerario all’interno della Basilica Palladiana “Voci della basilica” (16, 23 e 30 luglio, ore 20 e 22). A seguire “Geometrie palladiane” (1 agosto), per finire il 5 settembre con “La città invisible” alla scoperta del quartiere di San Lazzaro. Da segnalare martedì 21 luglio (ore 21.30) in Piazza delle Erbe un evento speciale: “Radio-walkshow con Carlo Infante”, una conversazione nomade con radio e smartphone sul tema della resilienza urbana, in cui Carlo Presotto con un gruppo di esperti locali accompagnerà il fondatore di “Urban Experienze” ad incontrare l’area delle piazze vicentine intorno alla Basilica.
Biglietti 5 euro (tranne “Radio-Walkshow con Carlo Infante” che è gratuito). La partecipazione è a numero limitato, si consiglia la prenotazione.

9 su 10 da parte di 34 recensori Silent play, Pietre che parlano tra cinema e architettura Silent play, Pietre che parlano tra cinema e architettura ultima modifica: 2015-07-15T03:19:42+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento