Dolo, il sindaco Alberto Polo ha dichiarato l’inagibilità per 132 immobili su 200

Nella lista figurano 90 edifici gravemente lesionati o addirittura da abbattere. Sono tutti concentrati lungo le vie colpite dal ciclone che si è abbattuto con violenza sulla Riviera del Brenta, mercoledì scorso: Carrezzioi, Seriola, Galvani, Tito, Meloni, Fratelli Bandiera, Riviera Martiri della Libertà, località Musatti.

La conta non ancora definitiva degli sfollati nel dolese si ferma a circa 400 e per assicurare loro una sistemazione adeguata l’Amministrazione comunale ha approntato un piano straordinario di ospitalità per 250 persone grazie alla disponibilità di diverse strutture ricettive della zona.

A Cazzago di Pianiga, finora l’unico edifico dichiarato inagibile, per la parte commerciale, è quello del Centro Mythos. Le case danneggiate sono circa 200. Solo lunedì, annuncia il sindaco Massimo Calzavara, si farà una valutazione complessiva nel dettaglio.

Lascia un commento