Ercolano, scavi chiusi alle 13 a causa della carenza di personale di vigilanza

La Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia, “è amareggiata per i disagi causati ai visitatori e sottolinea la criticità della situazione che da tempo grava sui siti archeologici vesuviani”.

La condizione di Ercolano è complicata. Sono disponibili 36 addetti alla vigilanza distribuiti su 5 turni (mattina, pomeriggio, notte, franco e riposo).

Lascia un commento