Verona, sottratti 34 punti sulla patente ad un automobilista

Una pattuglia della Polizia municipale ha sottratto 34 punti dalla patente e denunciato all’autorità giudiziaria un automobilista, alla guida di una Lancia Ypsilon, fermato perché viaggiava a velocità elevata e risultato poi ubriaco. Il 41enne vicentino, alle 3 del mattino, stava percorrendo agli 85 chilometri orari viale del Lavoro, dove una pattuglia stava effettuando un posto di controllo. Anzichè fermarsi, l’automobilista ha evitato l’agente e tentato di fuggire verso Verona Sud. Inseguito, è stato raggiunto e fermato.

Accompagnato al comando perché senza documenti, è stato sottoposto ad accertamenti terminati i quali è stato rilasciato.

A suo carico sono emerse diverse responsabilità, anzitutto quella penale per la guida in stato di ebbrezza e rifiuto di sottoporsi all’alcoltest, poi quelle amministrative per velocità eccessiva, tre attraversamenti con semaforo rosso, mancanza della patente e fuga. All’uomo è stata contestata una sanzione amministrativa di 913 euro, alla quale si aggiungeranno le contravvenzioni per fuga ed ebbrezza che saranno determinate da Prefetto e Tribunale.

Nell’ambito dei controlli per verificare l’utilizzo regolare dei pass, sia in centro storico che nei quartieri periferici, la Polizia municipale ha ritirato un permesso rilasciato per l’assistenza domiciliare e utilizzato, invece, indebitamente dal titolare per parcheggiare in zona VeronaPark senza pagare il relativo ticket.
L’accertamento è avvenuto in stradone Porta Palio 48, dove l’automobilista aveva parcheggiato su uno stallo a pagamento per recarsi al lavoro poco lontano, esponendo il pass e non il ticket. All’automobilista è stata contestata la relativa violazione ed il permesso è stato ritirato per uso indebito.

9 su 10 da parte di 34 recensori Verona, sottratti 34 punti sulla patente ad un automobilista Verona, sottratti 34 punti sulla patente ad un automobilista ultima modifica: 2015-06-28T02:56:31+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento