Illegittimo il blocco di contratti e stipendi nella Pubblica amministrazione

A stabilirlo la Corte Costituzionale, che, nello stesso tempo, specifica che la sua pronuncia non avrà effetti retroattivi, e, quindi, verrà evitato il “buco” di bilancio di 35 miliardi di euro paventato dall’Avvocatura generale dello Stato.

La Corte ha dichiarato “con decorrenza dalla pubblicazione della sentenza” l’illegittimità costituzionale “sopravvenuta del regime del blocco della contrattazione collettiva per il lavoro pubblico”, quale risultante “dalle norme impugnate” che prevedevano il blocco dal 2010 al 2013, e “da quelle che lo hanno prorogato” nei due anni successivi. Respinte le altre censure prospettate nei ricorsi.

La pronuncia di incostituzionalità avrà effetto solo a partire dal deposito della sentenza, che, secondo la legge, avviene entro 20 giorni dalla decisione. I giudici della Consulta, con il loro verdetto, hanno tenuto conto di una delle richieste avanzate, in subordine, dall’avvocato dello Stato Vincenzo Rago.

L’avvocato dello Stato, pur sostenendo l’assoluta legittimità delle norme sul blocco della contrattazione, aveva chiesto che, nel caso in cui la Corte avesse optato per una pronuncia di incostituzionalità, si tenesse conto di quanto previsto dall’articolo 81 della Costituzione, nella nuova formulazione, relativo al principio di pareggio di bilancio.

9 su 10 da parte di 34 recensori Illegittimo il blocco di contratti e stipendi nella Pubblica amministrazione Illegittimo il blocco di contratti e stipendi nella Pubblica amministrazione ultima modifica: 2015-06-25T08:04:49+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento