Roma, autolavaggi, regole certe. Stop a impianti in centro e su aree verdi

autolavaggio“Regole univoche e omogenee” per gli autolavaggi a Roma: con una circolare congiunta di due Dipartimenti (Attività Produttive e Programmazione Urbanistica), informa l’assessore a Roma Produttiva Marta Leonori, il Campidoglio mette ordine nel settore.

Tre le tipologie d’impianto previste: su aree all’aperto, in edifici esistenti, impianti “a secco” (quelli di ultima generazione). Non si possono installare autolavaggi nella città storica e su zone verdi o agricole. Ogni impianto deve comunque rispettare le norme urbanistiche e di tutela del paesaggio.

Per avviare un impianto a secco occorre la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività). Se si usa acqua e si producono reflui serve il nulla osta preventivo dell’Asl.

Si fa così chiarezza, afferma l’assessore Leonori, “in una disciplina che si è stratificata nel tempo e che deve fare i conti anche con alcune innovazioni che nel frattempo si sono affacciate nel settore. L’obiettivo primario è quello di stabilire e indicare in maniera definitiva i criteri e le norme, a partire dai requisiti igienico-sanitari, fondamentali per la salvaguardia dell’ambiente ma anche per la tutela dei lavoratori, degli utenti e dei cittadini”.

Un settore, quello degli autolavaggi, “che stava crescendo in maniera sregolata”. E che adesso, conclude Leonori, “si avvale di un repertorio di regole certe che valgono in maniera univoca su tutto il territorio”. La circolare è stata intanto inviata a tutti i Municipi.

Lascia un commento