Catania, sequestrati beni riconducibili a Sebastiano Brunno boss di Cosa Nostra

Eseguito dalla Dia un sequestro di beni riconducibili al boss di Cosa Nostra Sebastiano Brunno, detto Neddu ‘a crapa,arrestato a Malta, che era nella lista dei ricercati più pericolosi.

Sebastiano Brunno, 56 anni, è ritenuto dagli inquirenti il capo del clan lentinese “Nardo”, legato al gruppo Santapaola di Catania.

Tra i beni sequestrati, l’appartamento di Carlentini dove abitano la moglie e i figli del boss lentinese.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento