Catanzaro, ucciso in un agguato Domenico Bevilacqua boss della criminalità rom

L’uomo, noto come “Toro seduto”, è morto dopo essere rimasto gravemente ferito in un agguato compiuto nel quartiere Aranceto di Catanzaro, considerato una delle sue roccaforti.

Domenico Bevilacqua, 54 anni, si trovava all’esterno di un esercizio commerciale quando è stato attinto da diversi colpi di arma da fuoco. L’uomo è stato soccorso e trasportato all’ospedale di Catanzaro dove le sue condizioni sono apparse subito gravissime, fino al decesso avvenuto poco dopo.

I sicari sarebbero due ed avrebbero agito a bordo di una moto di grossa cilindrata, esplodendo alcuni colpi di arma da fuoco che hanno raggiunto Bevilacqua alla testa. Per l’agguato è stata usata una pistola calibro 9 e la polizia scientifica ha repertato, nell’immediatezza, tre bossoli, ma sono molti di più quelli trovati a terra. Sempre a terra, non lontano dal luogo dove Bevilacqua è finito a terra per le ferite, è stata ritrovata anche una pistola ma non è chiaro se l’arma possa essere caduta ai killer o possa essere stata utilizzata nel tentativo di difesa di Bevilacqua che, comunque, ha tentato di fuggire alla vista dei sicari, ma è crollato dopo alcuni metri.

Bevilacqua era sfuggito ad un agguato il 4 aprile del 2005, quando era rimasto gravemente ferito da alcuni colpi di arma da fuoco mentre si trovava a Catanzaro Lido.

9 su 10 da parte di 34 recensori Catanzaro, ucciso in un agguato Domenico Bevilacqua boss della criminalità rom Catanzaro, ucciso in un agguato Domenico Bevilacqua boss della criminalità rom ultima modifica: 2015-06-04T16:55:05+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento