La Spezia, ventenne pestato dal branco rischia di perdere l’uso di un occhio

Per il giovane di 24 anni la serata con la propria ragazza si è trasformata in un incubo. Per futili motivi è stato prima preso a pugni da un coetaneo e poi preso a calci dal resto del branco, sotto lo sguardo terrorizzato della fidanzata. L’episodio è avvenuto nel fine settimana nei pressi di un bar del centro ritrovo di tantissimi giovani. È lì che il giovane e la sua fidanzata si erano dati appuntamento con un amico per andare a ballare in una discoteca della Versilia.

Ad aggredirlo almeno quattro ragazzi, tutti italiani, spezzini di buona famiglia, come riportato dallo stesso giovane nella denuncia presentata alla squadra mobile. Il giovane è stato soccorso, grazie anche all’intervento della fidanzata, e portato all’ospedale da un amico. I primi esami diagnostici hanno evidenziato la frattura dell’orbita oculare dell’occhio sinistro, oltre che dello zigomo, con un primo referto di trenta giorni e la necessità, per il giovane, si sottoporsi a un’approfondita visita oculistica al San Martino di Genova per valutare la portata delle ferite e, nel caso, effettuare un’operazione chirurgica.

La ragazza, medicata dai medici del pronto soccorso, è stata giudicata guaribile in 7 giorni. Il giovane, assieme alla fidanzata, martedì si è recato in Questura per sporgere denuncia, nominando l’avvocato Tommaso Trapasso a tutela delle proprie ragioni. Immediate sono scattate le indagini, con gli agenti di Polizia che a breve entreranno in possesso delle immagini registrate dalle tante telecamere installate nell’area dove è avvenuta l’aggressione, nel tentativo di fare chiarezza e individuare tutti i protagonisti dell’aggressione.

9 su 10 da parte di 34 recensori La Spezia, ventenne pestato dal branco rischia di perdere l’uso di un occhio La Spezia, ventenne pestato dal branco rischia di perdere l’uso di un occhio ultima modifica: 2015-04-22T11:03:50+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento