Fondazione Grimaldi, terzo appuntamento con la storia di Modica nell’Ottocento e nel Novecento

ModicaModica (RG) – Sabato 18 aprile alle ore 17.30 a Palazzo Grimaldi (Corso Umberto I, 106), nell’ambito del ciclo di incontri sulla storia di Modica nell’Ottocento e nel Novecento organizzato dalla Fondazione Giovan Pietro Grimaldi e dall’Unitre, lo storico Giuseppe Barone terrà una lezione dal titolo “Modica città italiana (1861-1880). Scuola, cultura, società”.

Dopo il tramonto della Contea, le cospirazioni sotto i Borboni e i travagli del Risorgimento, nel terzo appuntamento in calendario Giuseppe Barone si concentrerà sul ventennio post-unitario.

Sono gli anni del “Nation Building”, quando il neonato Regno d’Italia si adopera per costruire l’identità nazionale tra popolazioni che hanno storie, dialetti, tradizioni e culture differenti, attraverso la scuola, le infrastrutture, la burocrazia, ecc.

Modica, grazie allo straordinario impegno delle sue classi dirigenti, torna a essere una “piccola capitale” nel Sud-Est siciliano. L’incremento demografico, il potenziamento delle funzioni urbane e terziarie, l’ascesa di una borghesia di professionisti e imprenditori, il primato dell’istruzione media e superiore, la ripresa della vita culturale, la nascita del credito agricolo, la fioritura di studi tecnico-scientifici e la conduzione vittoriosa della battaglia per la variante ferroviaria disegnano i contorni di uno dei periodi più floridi nella storia della città.

L’iniziativa, rivolta agli studenti delle scuole secondarie, agli universitari e a tutti gli appassionati di storia locale, intende colmare una lacuna nella storia di Modica che per la parte otto-novecentesca è ancora in gran parte da scrivere.

9 su 10 da parte di 34 recensori Fondazione Grimaldi, terzo appuntamento con la storia di Modica nell’Ottocento e nel Novecento Fondazione Grimaldi, terzo appuntamento con la storia di Modica nell’Ottocento e nel Novecento ultima modifica: 2015-04-13T12:14:10+00:00 da INPress
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento