Roma, debutta il nuovo percorso della linea 118

linea 118Da oggi, sabato 4 aprile, cambia il percorso della linea 118. La circolare, che attualmente parte da piazzale Ostiense per raggiungere l’Appia Antica e l’Appia Pignatelli, avrà una vocazione prettamente “turistica” e avrà una doppia valenza.

Innanzitutto rappresenterà un collegamento diretto tra il Centro storico e i quartieri di Quarto Miglio, Statuario e Capannelle e poi avrà un ruolo fondamentale per i romani e i turisti in visita ai siti archeologici e monumentali della Capitale. Il nuovo capolinea sarà nel quartiere Statuario, in corrispondenza con Villa dei Quintili.

Da qui percorrerà via Appia Nuova, via Appia Pignatelli e via Appia Antica fino alle Terme di Caracalla e piazza di Porta Capena. Abbandonato l’attuale itinerario Aventino – piazzale Ostiense, i bus viaggeranno lungo via del Circo Massimo, via Petroselli, via del Teatro Marcello fino a piazza Venezia. Da via dei Fori Imperiali comincerà poi il percorso di ritorno lungo la zona archeologica del Colosseo e di via San Gregorio per tornare sull’Appia Antica e il capolinea di Villa dei Quintili.

Un tuffo nella storia di Roma che permetterà ai turisti di ammirare, tra le altre cose, il mausoleo di Cecilia Metella, la Villa di Massenzio, le catacombe di San Sebastiano, Santa Domitilla e San Callisto, la chiesa del Domine Quo Vadis, la Porta di San Sebastiano, le Terme di Caracalla, i Fori Imperiali, il Colosseo e piazza Venezia.

La linea sarà attiva tutti i giorni dalle 5.30 alle 23 nei feriali e dalle 6 alla mezzanotte nei festivi.

Nei giorni di pedonalizzazione di via dei Fori Imperiali, la linea limiterà il percorso a piazza Venezia, saltando così le fermate di via dei Fori Imperiali, del Colosseo, di San Gregorio, Porta Capena, Valle delle Camene e Porta Metronia.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, debutta il nuovo percorso della linea 118 Roma, debutta il nuovo percorso della linea 118 ultima modifica: 2015-04-04T12:25:49+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento