Gli spinaci bloccano il declino cognitivo

Dall’Università di Chicago arriva la notizia che assumerne una porzione quotidiana di spinaci contribuisce a far “ringiovanire” il cervello di 11 anni, oltre a prevenire da malattie neuro-degenerative, come l’Alzheimer, e dalla demenza senile.

I risultati dello studio saranno illustrati questa settimana durante la Conferenza di biologia sperimentale a Boston. A capo dell’equipe che ha condotto la ricerca, la dottoressa Martha Claire Morris, che spiega. “Perdere le capacità mnemoniche o cognitive è una delle più grandi paure di chi invecchia. Dall’inizio del declino delle abilità mentali è fondamentale, per prevenire il morbo di Alzheimer e la demenza, aumentare il consumo di verdura a foglie, che può costituire un modo semplice, non invasivo e conveniente per proteggere il cervello dal decadimento”.

I benefici derivanti dai vegetali a foglia sono legati agli alti livelli di vitamine e sostanze nutritive in essi presenti, tra cui la vitamina K, la luteina, l’acido folico e il beta-carotene.

I risultati di questa ricerca sono il frutto di 19 diversi test di valutazione delle funzioni cognitive su circa mille volontari (81 anni di età media), monitorati annualmente in un periodo che va dai 2 ai 10 anni. I test presentavano 144 voci e, tra le altre cose, i partecipanti dovevano indicare quali cibi e bevande facessero parte della loro dieta alimentare quotidiana. Coloro che assumevano regolarmente una porzione di spinaci, una o due volte al giorno, manifestavano un declino mentale inferiore rispetto a chi non aveva questa abitudine, anche quando venivano presi in considerazione altri fattori, tra cui l’istruzione, l’attività fisica e l’ereditarietà familiare.

Il dato che colpisce positivamente è nel numero di anni (11) che bloccano il declino cognitivo in coloro che mangiano quotidianamente spinaci.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento