Parco Gallipoli Cognato, tornata coppia Cicogna Nera

È tornata al suo nido tra le inaccessibili rocce delle Dolomiti Lucane, fedele e puntuale come oramai da oltre un decennio, la coppia di Cicogna nera (Ciconia nigra).

L’atteso evento, spiega il presidente del Parco Gallipoli Cognato, Mario Atlante, è stato accertato dai tecnici del Parco già dalla fine di febbraio, quando i primi individui, giunti probabilmente dopo una lunga migrazione dall’Africa, sono stati osservati in alimentazione lungo il Fiume Basento.

Domenica scorsa, grazie alla webcam posizionata proprio nella fenditura della roccia in cui la specie nidifica, è stato possibile osservare che la coppia ha “colonizzato” nuovamente il sito, iniziando sin da subito le tipiche parate di corteggiamento ed i lavori di sistemazione del nido in cui deporre le preziose uova ed allevare la prole.

Questa elegante specie, dalle imponenti dimensioni, tra le più rare a livello italiano, ogni anno sceglie uno dei territori più incantevoli della Basilicata per riprodursi e viene attentamente studiata e monitorata da molti anni nel Parco nell’ambito di specifici progetti di ricerca monitoraggio per garantirne la conservazione.

Anche quest’anno quindi ci auguriamo che la specie possa compiere il suo ciclo riproduttivo con esito positivo e che, come negli anni passati, si riesca ad accertare l’elevato successo della coppia. Lo scorso anno, infatti, si sono regolarmente schiuse tutte e cinque le uova deposte ed involati poi tutti i pulcini, confermando la valenza di questo straordinario sito.

Per tutti gli appassionati sarà possibile seguire in diretta ed online tutte le delicate fasi di nidificazione della Cicogna nera, consultando il primo sito in Italia dedicato alla specie: cicognaparcogallipoli.it.

9 su 10 da parte di 34 recensori Parco Gallipoli Cognato, tornata coppia Cicogna Nera Parco Gallipoli Cognato, tornata coppia Cicogna Nera ultima modifica: 2015-03-18T01:01:59+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento