Taglio abusivo di alberi in località Bocca Grande in terreni di proprietà del Comune di Grisolia

Due le operazioni di Polizia Giudiziaria effettuate nei giorni scorsi dal personale dei Comandi Stazione di Grisolia (CS) e Sant’Agata di Esaro (CS) dipendenti dal Coordinamento Territoriale per l’Ambiente di Rotonda.

Il personale di Grisolia ha rinvenuto un taglio abusivo in località “Bocca Grande” in terreni di proprietà del Comune di Grisolia (CS), si è provveduto a verificare i responsabili, risultati ignoti, e a effettuare i rilievi tecnici per quantificare i danni. Quarantadue le piante di faggio, ontano ed acero recise, oltre ad altre 20 sradicate e troncate. Il tutto è stato comunicato all’A.G. competente ed è stato effettuato il sequestro dell’area e delle piante di cui sopra. L’area di che trattasi ricade in zona 1 del Parco Nazionale del Pollino, sottoposta a vincolo idrogeologico e sito ZPS denominato “Pollino – Orsomarso”.

Altra operazione nel Comune di San Sosti (CS), dove il Comando Stazione di Sant’Agata di Esaro (CS), dopo vari pedinamenti, ha fermato e controllato un autocarro adibito al trasporto di rifiuti ferrosi, condotto da un cittadino di nazionalità romena.

Effettuati i controlli del caso, sono stati verificati varie difformità e falsificazioni sul formulario di trasporto e pertanto lo stesso è stato posto sotto sequestro.

Il conducente ed il titolare della ditta sono stati deferiti all’A.G. competente.

Nel solo mese di Febbraio, nell’ambito dei controlli sull’anagrafe equina, sono state riscontrate dal Comando Stazione di Viggianello (PZ) violazioni alle norme che impongono l’apposizione del microchip sui cavalli detenuti, per complessivi 33000 €.

9 su 10 da parte di 34 recensori Taglio abusivo di alberi in località Bocca Grande in terreni di proprietà del Comune di Grisolia Taglio abusivo di alberi in località Bocca Grande in terreni di proprietà del Comune di Grisolia ultima modifica: 2015-03-17T08:59:30+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento