Milano, politiche sociali risposte efficaci grazie a capacità di fare sistema

“C’è una domanda di welfare che cambia, che cresce e che presenta esigenze nuove rispetto al passato. Per dare risposte efficaci è necessario fare sistema, mettere insieme pubblico e privato, istituzioni, università, scuola, impresa, sistema del credito, sindacato, terzo settore, e fare fronte comune con strategie nuove. A Milano lo stiamo già facendo. Il Forum delle Politiche sociali è il luogo dove confrontarsi, fare il punto e migliorare le pratiche già in atto, per farle diventare un modello per il Paese”.

Lo afferma il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia nel giorno di apertura del 4° Forum delle Politiche sociali “Tutta la Milano Possibile”.

forum vapore

“L’investimento del Comune di Milano sul welfare cittadino è stato di oltre 212 milioni di euro e ha riguardato progetti ben precisi che grazie alle collaborazioni con le diverse realtà cittadine, hanno moltiplicato il valore di ogni euro speso, rafforzando l’efficacia degli interventi. Questo ha permesso di offrire anche una migliore capacità di risposta qualitativa ai nuovi bisogni sociali, come ad esempio quelli psicologici, non trascurabili in questi anni di crisi. Su questo tema Milano ha presentato gli sportelli di urgenza psicologica, un vero e proprio pronto soccorso psicologico gratuito per sostenere chi vive un momento di difficoltà, il primo progetto di questo genere in Italia”.

“Come sempre, Milano va avanti con una marcia in più, ovvero la collaborazione delle associazioni, del terzo settore. A loro chiedo di continuare a lavorare, insieme al Comune, con l’entusiasmo di sempre e con la consapevolezza di costruire risposte utili a tutti”, ha concluso il Sindaco.

9 su 10 da parte di 34 recensori Milano, politiche sociali risposte efficaci grazie a capacità di fare sistema Milano, politiche sociali risposte efficaci grazie a capacità di fare sistema ultima modifica: 2015-02-27T16:51:14+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento