Roma, a Rocca Cencia per il trattamento dei rifiuti arriva il primo biodigestore

biodigestori biodigestori Conferenza stampaEntro fine febbraio Ama presenterà al Campidoglio il progetto esecutivo per un primo “biodigestore” a Rocca Cencia. Lo ha annunciato il sindaco Ignazio Marino intervenendo al convegno “Due gradi”. Per un nuovo accordo globale sui cambiamenti climatici: verso Parigi 2015, organizzato dal Club di Kyoto in Campidoglio.

I biodigestori sono impianti al cui interno vengono introdotti specifici microrganismi che, in assenza d’aria (si parla dibiodigestione anaerobica), digeriscono e metabolizzano i rifiuti, una volta separate le frazioni non trattabili e da riciclare (vetro, metalli, plastica…). Al termine del processo, che si articola in più fasi, si ottiene biogas. Questo, a sua volta, può produrre calore oppure elettricità.

Un’alternativa di grande interesse sia alle tradizionali discariche che al compostaggio (metodo, quest’ultimo, aerobico, che si svolge in presenza d’aria). Per cui, ha detto il Sindaco, è in corso una riflessione, da parte di Ama e di Roma Capitale, sui possibili tipi d’investimento; dato che i biodigestori catalizzano “grande interesse di molti imprenditori privati”.

“La possibilità di gestire così il 35% di 1,8 milioni di tonnellate di rifiuti”, ha concluso Marino, “è importante per la città e nel contempo presenta significativi risvolti imprenditoriali”.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento