Università, tutte assegnate le borse per il diritto allo studio

Boom di risorse per un boom di borse di studio nelle università toscane. Sfiora infatti i 45 milioni il complesso dei fondi a vario titolo stanziati dalla Regione Toscana per sostenere tutti coloro che ne hanno diritto, dunque oltre 15 mila borse di studio.

Nell’ultima seduta di Giunta, su proposta dell’assessore Emmanuele Bobbio, sono stati assegnati 8,8 milioni sul Fis (Fondo integrativo statale) che si vanno a sommare ai circa 12 milioni già stanziati a metà dello scorso dicembre. Oltre a questi 21 milioni, altri finanziamenti regionali già stanziati (soprattutto risorse dirette regionali oltre che proventi dalla tassa sul dsu) consentono di arrivare agli oltre 45 milioni utilizzati, in complesso, per questa parte di diritto allo studio universitario.

“Il tradizionale sforzo della Regione Toscana sul diritto allo studio universitario – nota l’assessore Bobbio – si conferma anche in un periodo di così acute difficoltà nella finanza locale. L’obiettivo, contribuire a garantire agli studenti universitari condizioni di serenità, è raggiunto anche quest’anno: a conti fatti ci confermiamo, e non è un dato scontato ma deriva da una chiara scelta politica, una Regione capace di coprire l’intera domanda degli aventi diritto”.

In base alla graduatoria definitiva, salgono dunque a 15.367 le borse di studio assegnate per questo anno accademico: ben 2.407 in più (circa il 15%) rispetto a quelle (12.960) assegnate nell’anno scolastico precedente. In termini di ripartizione per le tre città universitarie: 5.616 sono sugli atenei fiorentini (4.549 l’anno accademico precedente), 6.256 per gli atenei pisani (5.360 un anno prima) e 3.495 per gli atenei senesi (3.051 nel 2013/14).

9 su 10 da parte di 34 recensori Università, tutte assegnate le borse per il diritto allo studio Università, tutte assegnate le borse per il diritto allo studio ultima modifica: 2015-02-17T19:49:10+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento