Catania, omicidio alla Plaia Letizia Consoli uccisa dal marocchino Zakaria Ismaini

L’africano di 32 anni è stato fermato per aver ucciso a Catania la cinquantenne Letizia Consoli il 7 febbraio scorso sul lungomare de La Plaia di Catania e di avere appiccato il fuoco al bungalow dove è stato commesso il delitto.

Letizia Consoli era scomparsa il 29 novembre scorso, poi ritrovata dopo le ricerche e l’appello lanciato dai familiari, che si erano dichiarati preoccupati per lo stato di salute della donna, da tempo in depressione.

Il marocchino è anche indagato per un omicidio commesso con modalità simili in Puglia. I Carabinieri della Compagnia di Santo Vito dei Normanni in provincia di Brindisi gli hanno notificato un provvedimento di fermo per l’uccisione di Cosimo Mastrogiovanni, il cui cadavere carbonizzato è stato trovato in una villetta a Latiano.

Ha adescato la vittima di Brindisi attraverso un sito di incontri e si è fatto acquistare dal malcapitato il biglietto per un pullman di linea che collega Catania, dove risiede il presunto omicida, a Latiano. Una volta giunto all’appuntamento, il marocchino avrebbe scatenato la sua furia omicida contro Cosimo Mastrogiovanni, 63 anni, residente in una villetta di contrada Fieu, nelle campagne latianesi. Il pensionato, una persona che conduceva una vita solitaria, è stato bruciato vivo, dopo essere stato aggredito brutalmente. L’efferato omicidio si è consumato la notte fra il 10 e l’11 novembre del 2014.

Per quanto riguarda l’omicidio di Catania, la squadra mobile era intervenuta, su segnalazione dei vigili del fuoco, alle 9 circa del 7 febbraio presso il Villaggio Turistico Europeo, sito sul lungomare Kennedy, dove era stato segnalato l’incendio di un bungalow in muratura posizionato lungo la battigia, al cui interno erano state rinvenute copiose tracce di sostanza ematica. Su segnalazione di alcuni pescatori, una motovedetta della capitaneria di porto, nel tratto di mare antistante il villaggio turistico, ad una distanza di 150 metri circa dalla riva, ha rinvenuto il cadavere di una donna, subito trasferito presso il Porto di Catania.

Sulla vittima vi erano profonde ferite da taglio in varie parti del corpo, nonché altre ferite da taglio superficiali e vaste ecchimosi al viso e sul corpo. Il sopralluogo eseguito da personale del locale Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica nel bungalow portava al sequestro, tra altri reperti, di un pezzo di trave in legno con l’estremità acuminata, con tracce di sostanza ematica – poi risultata l’arma letale – ed un accendino di colore giallo; inoltre, si rilevavano chiare tracce di trascinamento sull’arenile dal bungalow in direzione della battigia.

A seguito delle prime indagini, la stessa sera dell’omicidio, la Procura della Repubblica aveva autorizzato l’intercettazione telefonica dell’indagato. Si era appreso così che l’indagato era sottoposto a intercettazione da parte della Procura di Brindisi per un altro omicidio. Dall’analisi del tabulato di Ismaini sono stati così rilevati i contatti con un’utenza intestata a Consoli Letizia Agata Giulia, donna catanese di 50 anni.

Gli ulteriori accertamenti ed il riconoscimento dei parenti hanno consentito di acquisire la certezza che Consoli fosse la donna assassinata alla Playa. Ulteriori accertamenti tra cui l’esame del registro chiamate sul cellulare di Ismaini e la visione dei filmati degli impianti di video-sorveglianza del vicino villaggio “Le Capannine”, luogo dove Ismaini aveva spontaneamente dichiarato di dimorare e dove aveva trascorso la notte tra il 6 ed il 7 febbraio, hanno consentito di acquisire più che gravi indizi di colpevolezza a suo carico in ordine al delitto per omicidio.

Le conversazioni effettuate da Ismaini con altri interlocutori in lingua araba avevano evidenziato il proposito di lasciare l’Italia. Nel pomeriggio del 14 febbraio scorso, l’assassino è stato così rintracciato all’interno di un peschereccio ormeggiato presso il Porto di Catania e condotto presso gli Uffici della Squadra Mobile. Qui, in tarda serata, ha reso dichiarazioni confessorie nel corso di interrogatorio reso al P.M. della Procura Distrettuale della Repubblica titolare delle indagini.

9 su 10 da parte di 34 recensori Catania, omicidio alla Plaia Letizia Consoli uccisa dal marocchino Zakaria Ismaini Catania, omicidio alla Plaia Letizia Consoli uccisa dal marocchino Zakaria Ismaini ultima modifica: 2015-02-16T18:43:25+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento