Muro Lucano si candida per accogliere minori stranieri

Una candidatura per tendere nuovamente la mano ai meno fortunati. L’amministrazione comunale di Muro Lucano dà il via all’iter di ottenimento del placet ministeriale per ospitare minori stranieri non accompagnati aderendo al progetto denominato “Assistenza Emergenziale – Miglioramento della capacità del territorio italiano di accogliere minori stranieri non accompagnati”.

In considerazione della disponibilità dei locali – la struttura ex Maria Montessori in via Santa Maria del Carmine la cui ricostruzione è quasi ultimata – si è ritenuto opportuno aderire – spiega il Comune in una nota – ad un progetto d’integrazione che seguirebbe quello dello SPRAR (sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) e che oggi vede tanti ragazzi meno fortunati accolti dalla comunità murese. Un progetto che è stata anche occasione per creare nuovi posti di lavoro, aspetto che potrebbe ovviamente ripresentarsi qualora la nuova richiesta dell’amministrazione dovesse essere accettata dal Ministero. A tal proposito, il sindaco Gerardo Mariani: “mi preme sottolineare come la nostra città abbia già dato ampia dimostrazione di conviviale accoglienza, ritengo siamo un esempio importante d’integrazione. I ragazzi che oggi vivono all’ex convento dei Cappuccini conducono una vita dignitosa e stiamo lavorando per migliorarne la qualità. Questo nuovo progetto rappresenterebbe un ulteriore tassello ad un più ampio discorso d’integrazione e accoglienza che abbiamo da tempo avviato. Profonderemo tutti i nostri sforzi – conclude Mariani – per dimostrare di essere in grado di ospitare al meglio anche i minori non accompagnati, consapevoli anche che si andrebbero a creare le condizioni per la creazione di nuovi posti di lavoro in tutti i settori, dall’assistenza alla scuola passando per i servizi. E di questi tempi c’è da essere solo soddisfatti”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Muro Lucano si candida per accogliere minori stranieri Muro Lucano si candida per accogliere minori stranieri ultima modifica: 2015-02-04T02:39:12+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento