La Torre di Pisa in alabastro fa impazzire gli americani

79

Pisa TorreMolto più che semplice curiosità, da quando il campanile pendente di alabastro ha fatto il suo ingresso nel Westfield Centre, a San Francisco è Torre mania. Grazie all’attività del Console Generale d’Italia nella città californiana, attivo sui social nella promozione dell’evento, in tantissimi hanno condiviso foto e sensazioni. Anche i 578.619 iscritti alla pagina Facebook “San Francisco – The Official Guide” non hanno perso l’evento. La preziosa riproduzione, composta da 25.000 pezzi costruiti rigorosamente a mano dai maestri alabastrai di Arte in bottega di Volterra, è esposta dal 13 gennaio nel grande centro commerciale. All’inaugurazione erano presenti, tra gli altri, il console Battocchi, il vicesindaco di Pisa Ghezzi, il dirigente di Toscana promozione Alberto Peruzzini e il vicepresidente della Camera di Commercio di Pisa Valter Tamburini. A seguire incontri “business to business” con oltre cento tour operator americani a testimoniare la vocazione commerciale dell’iniziativa promossa da Camera di Commercio, Comune di Pisa e Regione Toscana. Un grande evento targato Made in Italy di cui si sono accorti i principali media della città, dal San Francisco Examiner, al San Francisco Chronicle, all’Italo-Americano, al blog San FranciscItaly. La Torre in alabastro resterà in bella mostra al Westfield Centre fino al 5 febbraio e il progetto “Pisa AD 2014: la Torre di Pisa negli Stati Uniti” continuerà a diffondere la cultura italiana e pisana negli USA anche grazie ad un concorso sul Romanico pisano realizzato dalla Società Storica Pisana e rivolto alle high school delle città di San Francisco e New York.