Avere cura di chi è povero non è comunismo, è Vangelo

Il concetto semplice ma incisivo è ribadito dal Papa nell’intervista contenuta nel libro “Questa economia uccide”, scritto da Tornielli e Galeazzi.

Bergoglio, intervistato dal quotidiano La Stampa, spiega che l’attenzione “per i poveri è nel Vangelo e nella tradizione della Chiesa, non è un’invenzione del comunismo e non va ideologizzata. La globalizzazione ha aiutato molti a sollevarsi ma ne ha condannati tanti altri a morire di fame”. Per questo serve più “etica nell’economia”.

Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento