Palermo, libro mastro degli spacciatori delle banconote false

Trovati dai Carabinieri che hanno arrestato tre nigeriani a Ballarò. In manette sono finiti Osayi Idemudia, 29 anni, Emeke Nwaebi, 31 anni, e Esosa Ekhator, 24 anni. Durante un servizio di pattugliamento, i Carabinieri hanno visto sbucare dal mercato tre persone a bordo di una Fiat 600. Li hanno affiancati in corso Tukory e intimato l’alt. L’uomo al volante avrebbe tentato di accelerare. Pochi metri più avanti i tre sono stati bloccati. Uno di loro, Osayi, aveva addosso 2500 euro in banconote da 5, 10 e 50 euro. Sul sedile posteriore della macchina, sotto alcune sciarpe, una mazzetta con 120 banconote da 50 euro. Seimila euro “visibilmente falsi”.

Altri soldi, circa 3800 euro, erano nascosti dentro il cruscotto. Anche questi erano falsi e con un unico numero seriale S20175422632.

In auto c’era un’agenda telefonica con 700 nomi, tutti stranieri, con accanto una cifra in euro. Secondo i Carabinieri, si tratta del libro mastro con l’elenco delle persone incaricate di spacciare le banconote in giro per la città.

L’ipotesi su cui lavorano gli investigatori, coordinati dal pubblico ministero Calogero Ferrara, è che i tre arrestati facciano parte di un’organizzazione più ampia che si sarebbe approvvigionata delle banconote in una stamperia ancora da individuare e servita di una rete di extracomunitari che gravitano nelle zone popolari della città. Il pm Ferrara è lo stesso che, assieme al collega Claudio Camilleri e all’aggiunto Dino Petralia, nelle scorse settimane ha arrestato una banda di cinesi e ghanesi che spacciavano monete false da uno e due euro. Gran parte degli incontri fra gli arrestati è stato monitorato proprio nella zona di Ballarò. Adesso si indaga per trovare eventuali collegamenti fra le due operazioni.

9 su 10 da parte di 34 recensori Palermo, libro mastro degli spacciatori delle banconote false Palermo, libro mastro degli spacciatori delle banconote false ultima modifica: 2014-12-25T10:05:56+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento