Premio Unar, Castelgrande si congratula con D’Errico

Per il consigliere regionale del Pd il riconoscimento alla giornalista di origini lucane “è una notizia che ci riempie di orgoglio e che fa onore non solo a Venosa, ma alla Basilicata intera”

“Una notizia che ci riempie di orgoglio e che fa onore non solo a Venosa, ma alla Basilicata intera”. Così il consigliere regionale del Pd, Carmine Castelgrande, commenta la notizia dell’assegnazione del XVIII premio giornalistico istituito dall’Unar, l’Unione delle Associazioni regionali nel Lazio, per il 2014, alla venosina Matilde D’Errico, ideatrice, autrice e regista di “Amore Criminale”, la trasmissione televisiva di Rai Tre, condotta dall’attrice Barbara De Rossi.

“Si tratta di una manifestazione molto prestigiosa, che vede premiati giornalisti proposti da tutte le Associazioni riunite nell’Unar. Per questo – aggiunge Castelgrande – il premio ha una elevata valenza culturale e l’averlo assegnato a Matilde D’Errico è un’ulteriore conferma del suo valore professionale. Una professionista che da subito si è fatta valere per sue qualità. Oltre alle numerose produzioni per la Rai, non vanno dimenticate quelle per Mediaset, e le numerose collaborazioni a docufiction. La D’Errico è anche autrice di diversi libri, tra cui “Volontari Internazionali”: settanta storie raccolte in occasione dell’Anno Internazionale dei Volontari. Ultimo lavoro “L’amore criminale”, uscito ad ottobre. Assieme a Maurizio Iannelli ha anche fondato “La Bastoggi docu & fiction srl”. Insomma un curriculum di tutto rispetto a testimonianza del fatto che la scelta compiuta dall’Unione delle Associazioni regionali nel Lazio si poggia su valide e profonde motivazioni. Alla nostra conterranea, che ci auguriamo di poter presto festeggiare a Venosa, le nostre congratulazioni”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Premio Unar, Castelgrande si congratula con D’Errico Premio Unar, Castelgrande si congratula con D’Errico ultima modifica: 2014-12-03T01:28:40+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento