Roma, sciopero sindacati di base possibili disagi al trasporto pubblico. Ama garantisce l’essenziale

Domani, venerdì 14 novembre, sciopero generale proclamato da Cobas e altre sigle. Vi aderiscono, per il comparto del trasporto pubblico a Roma, Cobas, Usb, Faisa Cisal e Ugl con modalità diverse. Possibili stop su scala cittadina dei mezzi (bus, tram, metropolitane, ferrovie Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma Nord) per l’agitazione Usb tra le 10 e le 14. In quest’orario, tra l’altro, se mancherà il personale addetto saranno disattivati ascensori e scale mobili nelle stazioni della metro.

Quanto ai bus Roma Tpl (linee di periferia), l’incrociarsi delle diverse proteste in programma potrà determinare disagi dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio.

Occhio anche alla prossima notte, quella tra giovedì e venerdì: sono a rischio le linee bus “n”. E disagi sono possibili domani anche per le attività al pubblico dell’Agenzia per la Mobilità, come allo sportello permessi di piazzale degli Archivi all’Eur.

Lo sciopero coinvolge anche Ama e dunque la raccolta rifiuti. In previsione, l’azienda ha messo in piedi le procedure per garantire “servizi minimi essenziali e prestazioni indispensabili: pronto intervento a ciclo continuo; incenerimento rifiuti ospedalieri; raccolta pile, farmaci e siringhe abbandonate; pulizia mercati; raccolta rifiuti prodotti da case di cura, ospedali, caserme, ecc.”. All’agitazione aderisce anche il comparto degli operatori cimiteriali. “Anche in questo caso”, precisa Ama, “predisposti i servizi minimi essenziali”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, sciopero sindacati di base possibili disagi al trasporto pubblico. Ama garantisce l’essenziale Roma, sciopero sindacati di base possibili disagi al trasporto pubblico. Ama garantisce l’essenziale ultima modifica: 2014-11-13T19:27:51+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento