Aosta, presentato il bilancio della Regione per il 2015

Un bilancio che pareggia sulla cifra di 974 milioni di euro per 2015: cento milioni di euro circa in meno rispetto al 2014. E’ la cifra principale che spiega i contenuti della legge finanziaria per il 2015 e per il triennio 2015 – 2017.
Un flessione significativa rispetto agli esercizi precedenti dovuta soprattutto al perdurare della crisi economica e agli effetti della partecipazione della Regione al risanamento dei conti pubblici dello Stato, in attuazione del federalismo fiscale.

Ego Perron, Assessore regionale al bilancio
Siamo passati da una disponibilità di 1.630 milioni nel 2010 agli attuali 970. Quindi 660 milioni in meno nell’arco di cinque esercizi finanziari, mantenendo inalterata la strutturazione del nostro tessuto. C siamo mossi per presentare un bilancio che cerchi comunque di intervenire nella società, proponendo investimenti, mantenendo lo stato sociale e un’attenzione alta nei confronti di imprese e di famiglie.

Nel triennio il pareggio di bilancio è ottenuto attingendo esclusivamente a risorse disponibili, dunque senza ricorrere all’indebitamento. Una scelta che si riflette positivamente sugli equilibri di bilancio e sul contenimento della relativa spesa, ossia sugli oneri previsti per l’ammortamento dei debiti, nello stesso bilancio e per i successivi bilanci.
Il documento contabile conferma gli interventi anticrisi per il 2015, con alcune rimodulazioni, e prevede diverse forme di tutela a sostegno delle fasce più deboli della popolazione.

Ego Perron, Assessore regionale al bilancio
Certo è un cambio di mentalità e anche di atteggiamento, quindi bisogna cercare risorse anche all’esterno. Da questo punto di vista ci siamo attivati in modo molto più accurato di prima per cercare fondi dall’Unione europea. Immaginiamo di spendere, se i nostri programmi verranno accettati, circa 120 milioni di euro nei prossimi sei anni, il che porterà a investire sul territorio circa 20 milioni di euro all’anno provenienti dai Fondi europei. Abbiamo dato un rilievo molto grande all’economia, procrastinando gli interventi anticrisi, rivitalizzando i fondi di rotazione, attuando investimenti sul territorio ponendo da una parte attenzione al mondo dell’imprenditoria che produce reddito, dall’altra alle categorie più deboli.

Il bilancio approvato dalla Giunta regionale venerdì 7 novembre 2014 è frutto anche di una serie di incontri fra l’Assessore Perron, il Presidente della Regione Augusto Rollandin e i rappresentanti delle forze sociali, economiche e politiche. Incontri durante i quali sono emersi i problemi e le esigenze provenienti dal territorio.

Ego Perron, Assessore regionale al bilancio
Abbiamo avuto un approccio aperto, procrastinando di una settimana l’approvazione del bilancio sia in Giunta sia in Consiglio per tener conto delle osservazioni e dei rilievi che venivano mossi da una parte dal mondo delle associazioni e dall’altra dalla politica. Il bilancio contiene e recepisce una serie di osservazioni e suggerimenti che durante questi incontri erano emersi. Detto questo voglio precisare che questo bilancio tiene conto di un sacrificio enorme che la Valle d’Aosta è chiamata a fare nei confronti dello Stato italiano. Su un bilancio di poco meno di un miliardo di euro la somma con cui noi contribuiamo al risanamento della finanza pubblica italiana è di 220 milioni di euro. Sotto questo profilo ci presentiamo con le carte in regola nei confronti di uno Stato che consideriamo spesso invasivo nei confronti delle autonomie speciali e ci chiediamo se lo Stato abbia saputo fare altrettanto rispetto a quello che abbiamo fatto noi.

9 su 10 da parte di 34 recensori Aosta, presentato il bilancio della Regione per il 2015 Aosta, presentato il bilancio della Regione per il 2015 ultima modifica: 2014-11-10T08:37:51+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento