Sono cinque i defibrillatori consegnati dall’Università Agraria di Tarquinia ad altrettanti impianti sportivi

Un’iniziativa voluta dal consiglio di amministrazione che utilizza i soldi derivanti dalla riduzione dei costi della politica. L’ultimo defibrillatore è stato donato dal presidente Alessandro Antonelli e dal presidente del consiglio di amministrazione Fabio Bordi, il 25 ottobre all’ASD Karate Tarquinia Fatamorgana. La consegna è stata l’occasione per celebrare i grandi risultati sportivi conseguiti dall’associazione e per assistere a una dimostrazione che ha messo in luce la grande professionalità degli istruttori e l’abilità dei ragazzi. «La speranza è che il defibrillatore rimanga a raccogliere polvere e non sia mai utilizzato, ma è fondamentale averlo negli impianti sportivi per salvare giovani vite. – hanno affermato Antonelli e Bordi – Presto organizzeremo corsi per formare gli operatori sportivi affinché tutti siano in grado di utilizzarlo al meglio». Il 24 ottobre l’Università Agraria, rappresentata dal presidente Antonelli, dall’assessore Renzo Bonelli e dal consigliere Maria Elisa Valeri, ha invece partecipato alla giornata d’informazione antincendio, organizzata dall’AEOPC e dal settore giovanile della Corneto Calcio. I bambini hanno operato con i volontari dell’AEOPC, simulando l’intervento su un incendio, non prima di aver ascoltato gli utili consigli del Corpo Forestale dello Stato e dei Vigili del Fuoco. Il presidente Antonelli ha sottolineato come sia «importante preservare il nostro territorio, educare le giovani generazioni al rispetto e alla prevenzione. Un sentito ringraziamento va a chi opera quotidianamente nella lotta agli incendi e si prodiga per organizzare giornate come questa».

9 su 10 da parte di 34 recensori Sono cinque i defibrillatori consegnati dall’Università Agraria di Tarquinia ad altrettanti impianti sportivi Sono cinque i defibrillatori consegnati dall’Università Agraria di Tarquinia ad altrettanti impianti sportivi ultima modifica: 2014-10-28T02:26:39+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Lascia un commento